fbpx
Travel

Red beach e Vlichada-Santorini giorno 2

Oggi vogliamo dedicarci solo al mare e alle spiagge quindi decidiamo che ne vedremo una la mattina e una il pomeriggio. Vicino al nostro hotel abbiamo trovato una bakery che ogni mattina sforna dolci di ogni tipo, profumati e molto saporiti e dopo una bella colazione ci dirigiamo a Sud, alla Red beach.

La direzione è Akrotiri, ma per giungere alla spiaggia si è costretti poi a parcheggiare e fare un breve tratto a piedi. Anche qui si tratta di tenersi un equilibrio tra rocce e sassolini per vedere la grande scogliera rossa, direttamente baciata dal mare. Lo spazio per distendersi è pochissimo, c’è molta gente e non si possono oltrepassare i cordoni i quali “avvertono” della probabile caduta di pietre. Non c’è sabbia ma sassolini ed erba di mare essiccata dal sole. Il fondale è pieno di sassi e acqua densa, salata e subito profonda. Il sole batte insistentemente mentre fiumi di turisti continuano ad arrivare.

red-beach2
red-beach
red-beach 4 santorini

Circa ogni 15 minuti arriva una piccola barca da cui un uomo grida come fosse un motivetto: “for white beach or black beach!”. La barca conduce infatti alle altre sue spiagge famose di Santorini e in più essa è il solo mezzo per raggiungere quella bianca. Il tempo che abbiamo a disposizione è poco e non possiamo permetterci di prendere la barca, ci rivestiamo e la nostra direzione è Vlichada.

Dopo una pita veloce, ottima ed economica ( da Platis  a solo 2,50 euro) ci spostiamo su quest’altra spiaggia. Vlichada è l’alternativa tranquilla alla White beach. Vi è un solo stabilimento balneare e per 800 metri circa si estende la spiaggia libera che a settembre è frequentata soprattutto da nudisti. Quello che vediamo è uno spettacolo della natura, anni di vento e corrosione del mare hanno trasformato la scogliera in una sorta di opera d’arte contemporanea a cielo aperto.

La pietra sembra lavorata e perfettamente scolpita, l’effetto è scenografico e gli occhi si perdono a contemplare le mille forme e scanalature della scogliera. La sabbia, non affatto fine, è quasi dorata mentre il fondale è sempre roccioso ma rispetto alla red beach, l’acqua è più trasparente e popolata da moltissimi pesci che, via via ci si allontana dalla riva, diventano sempre più grandi.

 

 

SCOPRI QUI INVECE LA BLACK BEACH 

beach
beach vlichada

Francesco, ormai completamente innamorato della bellezza e particolarità di Oia, propone una cena in uno di quei ristoranti meravigliosi che avevamo notato il giorno prima; Scegliamo il ristorante king Neptunus, che ha una stupenda terrazza affacciata sul mare e sulle candide costruzioni di Oia e ovviamente ci concediamo un buon bicchiere di vino bianco e piatti tipici locali a base di carne e di pesce.

Non andremmo mai via da Oia, ci piace troppo passeggiare per queste piccolissime stradine, elegantemente illuminate ma sempre caratteristiche, ci piace scoprire anche i più piccoli negozi di souvenir, i negozi e le gioiellerie alla moda e i punti panoramici più belli. Dopo una fetta di torta al cioccolato,in un bar a picco sul mare, torniamo con il nostro scooter, piuttosto infreddoliti, a Perissa.

Write a comment