fbpx

Author / EMANUELA

cena spagnola-tostadas andalusa
ricette

Cena Spagnola-alcune ricette facili

Che siamo innamorati della Spagna, non è un segreto…molti sanno che ci vorremmo trasferire su una delle isole di questa Nazione. Ovviamente tra i motivi di questo amore, oltre alla gente, la lingua e la cultura…c’è la cucina. Non è raro organizzare con gli amici una cena spagnola a base di piatti tipici, dall’antipasto al dolce, con l’atmosfera propria dell’instancabile FIESTA spagnola.

Non solo paella, ecco alcune ricette facilissime per una cena spagnola ma anche per un brunch non troppo impegnativo, che potete realizzare facilmente ( e se lo dico io che in cucina non sono esattamente Antonino Cannavacciuolo,  fidatevi XD), un vero e proprio viaggio per la Spagna stando semplicemente seduti a tavola. 

Scegli la ricetta:

 

 

Cena Spagnola-antipasto con Tostadas Andaluse

cena spagnola-tostadas andalusa

 

Per la vostra cena spagnola cominciamo con un antipasto che in realtà, in Andalusia è una vera e propria colazione: noi in Italia le chiamiamo bruschette ma in Spagna sono le favolose Tostadads, fette di pane croccante o mini baguettes condite in vario modo: con semplice olio d’oliva e sale oppure, la mia preferita,  uno strato di pomodori, una fetta di Jamon Iberico (prosciutto crudo spagnolo sensazionale) e un filo d’olio d’oliva.

 

  • Io utilizzo il pane di Segale che ha un gusto più deciso e lo lascio tostare in una padella anti aderente o su una bistecchiera leggermente oliata.
  • Sto attenta a non bruciare le fette ma renderle dorate.
  • I pomodorini che ho uso sono quelli ciliegia tagliati a piccolissimi tocchetti.
  • Io non condisco i pomodori, preferisco sentirne il sapore e soprattutto approfitto del sale sprigionato dal prosciutto e dal filino di olio che metto alla fine.
  • Potete trovare il saporito jamon iberico (ma è ottimo anche il serrano) in supermercati super forniti come LIDL che spesso lo vendono in comode vaschette 
cena spagnola-tostadas

 

Cena Spagnola-La  Tortilla di patate

cena spagnola-la tortilla frittata con patate e cipolle

 

Forse con il termine Tortilla, vi viene in mente il Messico ma no…si tratta della tipica frittata spagnola con patate e cipolle. Quando organizzo una cena spagnola, la tortilla non manca mai: la servo a fette oppure realizzo dei quadratini in modo che si possa mangiare anche come un simpatico finger food.

Realizzarla è facilissimo:

  • Metto patate pelate fatte a cubetti (di una grandezza simile tra loro) in una padella anti aderente con uno spicchietto di aglio, un filo di olio e acqua che le copra quasi. In questo modo le patate si ammorbidiscono.
  • Quando le patate risultano già più morbide, tolgo lo spicchietto d’aglio e inserisco le cipolle tagliate a listarelle sottili ( amo utilizzare la cipolla rossa di Tropea)
  • Nel frattempo sbatto le uova, mi regolo con circa due uova a invitato (le uova non le utilizzo mai fredde di frigo), regolo di sale e pepe
  • Quando patate e cipolle sono cotte le verso nell’uovo sbattuto e mescolo.
  • Verso il composto in una padella antiaderente, ben calda, leggermente oliata.
  • La parte più difficile è sicuramente girare la tortilla che è abbastanza pesante, aiutatevi con un coperchio ovviamente
  • Potreste realizzare la tortilla anche al forno, per una versione leggermente più light. In questo caso forno preriscaldato, 20 minuti, 180 gradi
cena spagnola-la tortilla

 

Cena Spagnola -Patatas Bravas

 

 

Noi le amiamo!!! Ogni volta che siamo ad Ibiza dobbiamo farne una scorpacciata e le nostre preferite sono quelle del ristornate Pandok a Cala Llonga. Queste patate sono speciali e gustose grazia ad una salsa decisa che le accompagna.

 

cena spagnola-patatas bravas

La preparazione della salsa richiede un po’ di tempo ma il sapore vi lascerà senza parole!

  • Tagliate 1 spicchio di aglio e 100 gr cipolla finemente e fateli ben rosolare nell’olio insieme ad una bella spolverata di paprika
  • Una volta rosolati per bene aggiungete 4 cucchiai di aceto di mele
  • Lasciate evaporare l’aceto e unite 100 ml di salsa di pomodoro, 1 cucchiaio di zucchero di canna,  1 pizzico di sale e se volete un paio di cucchiai di salsa Worcester.
  • Lasciate cuocere  per una decina di minuti di modo che si uniscano per bene gli ingredienti.
  • Togliete dal fuoco la salsa e aggiungete 1 cucchiaino di tabasco e 8 cucchiai di maionese mescolando fino ad ottenere una salsa di colore rosato.
  • La salsa va servita con un bel trito di prezzemolo su patate fritte e rigorosamente tagliate a tocchetti.

Sangria…por supuesto!

cena spagnola-ricetta sangria

La Sangria è dissetante e profumata, non se ne può fare a meno in una cena spagnola, oltre alla Cerveza ovviamente!
Come prepararla in maniera facile e veloce?

Vi basta un vino rosso discreto e corposo (noi usiamo quello della nostra produzione personale) da versare in una bella brocca all’interno della quale dovrete aggiungere anche la  frutta tagliata a spicchi o cubetti.
Quale frutta scegliere:

  • Mele
  • Pesche
  • Arance
  • Lamponi

Se volete potete aggiungere cannella o chiodi di garofano che contribuiscono ad esaltarne il profumo.
Alcuni vanno poi ad aggiungere sherry e brandy che esaltano il grado alcolico e il sapore

E che fai? il dolce non lo mangi? vediamo quindi cosa servire a fine cena, qualcosa che sia veramente ed esclusivamente spagnolo

Natilla

 

dolce spagnolo-natilla-ricetta

Questo dolce, simile alla crema catalana, lo abbiamo scoperto durante il nostro viaggio a Formentera.

Realizzarlo non è affatto complicato e io mi trovo molto bene con la ricetta di Giallo Zafferano.

  • Faccio bollire del latte insieme ad una stecca di vaniglia e alla buccia del limone e poi aspetto che si raffreddi.
  • In una terrina mescolo zucchero, il rosso delle uova e la Maizena.
  • Unisco delicatamente il latte alle polveri e mescolo con una cucchiarella in legno
  • Metto il composto sul fuoco e aspetto l’ebollizione mentre continuo a mescolare fino ad ottenere una crema liscia, densa e lucida.
  • A questo punto verso la crema in delle ciotoline e decoro con una spolverata di cannella.
  • Lascio raffreddare in frigo fino al momento di servirle

E ora tocca a voi!

Altre ricette spagnole meno conosciute della paella ne avete? Vi andrebbe di condividerle con noi per aiutarci a rendere sempre più ricca e appetitosa la nostra cena Spagnola?

cover Guide Marrakech
Guide di viaggio Travel

Marrakech-guida di viaggio

La nostra bella Marrakech, ci è rimasta nel cuore e rimarrà anche nel vostro, ne siamo sicuri.

Quanto ne abbiamo sentito la mancanza quando l’abbiamo lasciata, perchè Marrakech è unica, Marrakech è un’atmosfera, è uno stato d’animo, è un gioco di luci e colori, è confusione per le strade, è odore di argan, cous cous e menta. In questa piccola guida a Marrakech, vi diamo alcuni consigli per innamorarvene definitivamente.

Muoversi a Marrakech

Per noi il modo migliore per spostarci a Marrakech ma anche fuori dalla città è stato sicuramente il taxi.
Potete contrattare i prezzi con il tassista e potete chiedergli di diventare il vostro driver personale per tutta la durata del soggiorno.

Vi consigliamo di prendere il taxi anche da e per l’aeroporto, sempre in trattativa con tassisti, ma evitate i transfer degli hotel che sono molto costosi.

Per sapere tutto della nostra esperienza in taxi a Marrakech e conoscere il nostro amico Mohamed leggete QUESTO POST!

cammello-muoversi-in-taxi-a-marrakech

Dove e cosa mangiare a Marrakech

C’è una cosa che ci sentiamo di consigliarvi prima di tutto: assaggiate ogni pietanza della cucina marocchina! Non abbiate pregiudizi, ordinate ogni piatto tipico e lasciatevi sorprendere dalle spezie, dai colori e dalle cotture di ogni cibo.

I ristornati a Marrakech sono davvero molto belli anche esteticamente.
Noi abbiamo scovato tre ristoranti a Marrakech davvero bellissimi e in cui abbiamo mangiato davvero bene.

Parliamo di costi: i prezzi sono sempre piuttosto abbordabili, per un menù completo parliamo di conti che vanno dai 20 ai 35 euro a persona.

Come avrete già letto su molti siti, non bevete acqua corrente, acquistatela sempre imbottigliata.
Noi non abbiamo mangiato da nessuna bancarella della Medina perché le stesse persone del luogo ce lo hanno sconsigliato, rigiriamo quindi il consiglio a voi.

Non dimenticate di sorseggiare the alla menta al tramonto da una delle terrazze dei caffè in piazza Jeema el Fna.

mangiare-a-Marrakech

Dove alloggiare a Marrakech

Ecco di una cosa siamo convinti, dovete assolutamente soggiornare nella Medina di Marrakech, all’interno di un Riad.
Volete sapere perché e capire cosa è un Riad? ve lo spieghiamo QUI.
Consiglio generale: fate in modo di non camminare mai dopo le nove di sera da soli per la città e fate in modo che il taxi vi accompagni più vicino possibile all’ingresso del vostro riad.

Marrakech-riad-2-min

Cosa vedere a Marrakech e altre informazioni

Marrakech è uno scrigno di ricchezza, bellezza, storia…ogni angolo sarà una scoperta, una sorpresa, un incanto.
Non perdete però questi luoghi:

Se avete pochi giorni da trascorrere nella bella e magica Marrakech, potete dare un’occhiata a QUESTI ITINERARI pensati apposta per voi.

piazza-jemaa-el-fna-marrakech

Piccoli consigli:

Per cambiare il denaro, recatevi al Cambio in piazza Jeema el Fna.
I ristoranti accettano tranquillamente le carte di credito.
Molti ristoranti servono anche alcolici.
Molte persone tenteranno di avvicinarvi e con la scusa di volervi accompagnare in qualche luogo tenteranno di ricavare la mancia.
Oppure potrebbe succedere che vi presenteranno una seconda persona che si proporrà di farvi da guida: sappiate che sono d’accordo e divideranno i soldi che vi chiederanno.
Non rifiutate mai il the alla menta che verrà offerto in ogni luogo, è parte della loro ospitalità.
I mercanti non vi “tirano” veramente nei bazar, ad infastidirvi saranno più i venditori di hashish.
Ci sono delle cose che dovete assolutamente acquistare a Marrakech, scoprite qui quali sono.
Per fotografare i danzatori berberi, scimmie e incantatori di serpente dovete sempre lasciare una piccola offerta.

intervista-lavorare a Ibiza
Lifestyle

Lavorare a Ibiza-i consigli che cercavi

Una vacanza come le altre, prenoti, ti innamori dell’isola e poi decidi… voglio trasferirmi ad Ibiza, voglio lavorare a Ibiza.

In molti di quelli che sono partiti per una semplice vacanza sulla isla bonita  hanno pensato di trasferirsi e lavorare a Ibiza, alcuni lo hanno fatto, noi… stiamo valutando.

Se vorresti lavorare a Ibiza e stai perdendo la testa tra portali e forum potresti leggere l’intervista che abbiamo fatto a Federica, un’amica torinese conosciuta proprio sull’isola che ci ha spiegato come viveva in Italia è cosa è cambiato quando un’estate decise che sull’isola sarebbe tornata per viverci.

Con il modo schietto e sincero che la contraddistingue, Federica ci ha parlato delle difficoltà ma anche delle soddisfazioni che porta con se la scelta di lavorare a Ibiza e di viverci.

Cosa facevi prima di trasferirti a Ibiza?

sono arrivata a Ibiza per puro caso.. ci ero stata per la prima in volta in vacanza nel 2017 e le sue Good Vibes mi avevano letteralmente rapita. Una volta a Torino sentivo nostalgia dell’isola come si può sentire la nostalgia di casa.

in Italia avevo un posto di lavoro che non mi consentiva di vivere come speravo e quando mi è stato proposto di venire a lavorare qui, ho accettato al volo nonostante le perplessità iniziali, che non nascondo di aver avuto. Poi ho deciso di prenderla come una sfida: in Italia avevo sempre svolto la mansione di commessa, qui avrei cominciato come cameriera, lavoro che svolgo tutt’oggi.

Come hai trovato lavoro per la prima volta a Ibiza?

Sono partita dall’Italia con un conoscente che voleva aprire una pizzeria  a Ibiza.. poi purtroppo non è andata bene la mia esperienza lavorativa con lui ma non mi sono arresa; mi sono messa subito in cerca di un nuovo lavoro e nel giro di una settimana avevo un nuovo impiego sempre come cameriera in un ristorante nella zona di Sant Antoni de Portmany.

Quando e perché hai deciso di trasferirti definitivamente?

Ho deciso di trasferirmi  definitivamente per avere un impiego più remunerativo del mio in Italia. In più vivere su un isola mi ha sempre incuriosito e devo dire che la vita sull’isola scorre leggera e piacevole, meno caotica e stressante di quella della città.

Sei partita da sola?

Sono partita assieme al ragazzo per cui avrei lavorato che avrebbe aperto il suo locale sull’isola.

Sapevi parlare già spagnolo?

Non sapevo parlare per niente spagnolo! Per non arrivare così, completamente allo sbaraglio, ho comprato un corso base , qualche mese prima di partire e da autodidatta ho iniziato a studiare. Mi è servito un po’ ma, come immaginavo, le lingue si imparano sul posto parlando con le persone del posto.

Ora di cosa ti occupi ad Ibiza?

Ora lavoro ad Ibiza sempre come cameriera in un bel ristorante e ho dei colleghi fantastici!

Come sei inquadrato professionalmente a Ibiza?

Ad Ibiza ho un regolare contratto di lavoro, poi ovviamente dipende la tipologia di lavoro e dal proprio datore di lavoro. Se non sbaglio sono solo i ragazzi che vendono i biglietti delle serate in spiaggia e dico solo in spiaggia, forse non hanno un contratto vero e proprio.

Qual è il periodo migliore per cercare lavoro a Ibiza?

Per trovare lavoro a Ibiza, secondo me è il periodo migliore è quello tra fine Aprile e il mese di Maggio. In linea generale però, non è difficile trovare un lavoro sull’isola in estate soprattutto nella ristorazione e nel settore dell’ospitalità.

Stipendio…migliore in Italia o a Ibiza?

Lo stipendio è notevolmente più alto ad Ibiza che in Italia ma non dimentichiamo che la vita è più cara qui sull’isola!

Infine, hai qualche consiglio per chiunque voglia trasferirsi e lavorare a Ibiza?

Io credo che per lavorare ad Ibiza, bisogna avere una mentalità molto aperta e non avere pregiudizi. Sull’isola si ha a che fare con persone molto diverse, persone che provengono da ogni parte del mondo e con mentalità molto differenti.

Inoltre non bisogna avere preclusioni mentali, avere spirito di adattamento anche sul lavoro, sulla scelta del lavoro ed essere pronti al sacrificio…ma questo vale sempre nella vita!

intervista-lavorare a Ibiza

beauty da viaggio
beauty Lifestyle

Beauty case da viaggio-lista di cosa da portare

Dite la verità, vi sarà capitato durante qualche viaggio di dimenticare almeno uno dei vostri cosmetici, magari uno di quelli indispensabili. A me è capitato tante volte per cui la prima soluzione a questo problema è stata fare con calma una lista dei prodotti da inserire nel beauty case da viaggio. Ovviamente la lista va fatta prima di partire e non quando preparate la valigia!

Il mio beauty case da viaggio comprende una serie di prodotti “fissi”, cioè prodotti che non dovrò utilizzare anche a casa, ma comprati esclusivamente per la partenza.

Inoltre ho cercato prodotti le cui taglie fossero abbastanza “mini” in modo da non occupare troppo spazio nel beauty case.

Dopo anni di sbagli, dimenticanze ed esperienze posso aiutarvi a preparare al meglio il vostro beauty case da viaggio.

Ecco la lista dei prodotti indispensabili:

Spazzolino e dentifricio

Secondo me qualche volta lo spazzolino lo avete dimenticato e questo perché spesso portate quello di casa: questo vuol dire che lavate i denti prima della partenza e poi lo inserite in valigia…se non ve lo dimenticate! Quindi perché non comprarne uno appositamente per i viaggi? Compratelo e lasciatelo nel vostro beauty case insieme a un dentifricio di cui dovete ricordare solo la scadenza ma in genere è bella lunga.

Latte detergente- struccante

Io questo lo avrò dimenticato tantissime volte e puntualmente sono dovuta andare in cerca di una profumeria o un supermercato per comprare qualcosa che andasse bene per struccarmi. Poi ho trovato la soluzione: ho acquistato da Sephora una crema struccante e un acqua micellare dal formato piccolino che utilizzo solo in viaggio e lascio sempre nel beauty case.

Inoltre portate con voi anche un pacchetto di salviettine imbevute multiuso: potete usarle per struccarvi, eliminare le sbavature del trucco ecc.

beauty-case da viaggio-detergenti sephora

Creme e saponi

Qui ci vengono incontro i famosi “campioncini”, quelli che in genere regalano nelle profumerie oppure quelli che sicuramente qualche volta abbiamo portato via come ricordo da qualche hotel.

beauty-case da viaggio-detergenti

Shampoo

Oltre al classico campioncino, vi consiglio di portare con voi anche uno shampoo a secco (utile soprattutto quando l’umidità sporca di continuo i vostri capelli). In genere la confezione degli shampoo a secco è piuttosto piccola, perfetta da inserire nel beauty case di viaggio.

Altre cose indispensabili che non tolgo mai dal beauty case:

  • Limetta per le unghie
  • Forbicine ( se però non inserite il beauty case nel bagaglio a mano)
  • Spille da balia (credetemi sono utili per qualsiasi emergenza)
  • Burro cacao, che potete utilizzare anche per screpolature di ogni tipo

beauty-case da viaggio-accessori

PLUS

Se avete voglia di una serata di relax potete portare con voi maschere viso-capelli, ormai sono tantissimi i marchi che li propongono in delle comode bustine.

beauty-case da viaggio-profumo-maschera viso

Per una vacanza al mare portate con voi un po di gel d’aloe vera;

In genere questo gel si vende in barattoli piuttosto ingombranti o flaconi non proprio piccoli: vi basta comprare un recipiente più piccolo (magari uno di quelli fatti apposta per l’aereo) e versarne una quantità da portare con voi. Ricordate che il gel d’aloe vi viene incontro per scottature, eritemi, capelli secchi, come crema viso-mani e corpo…insomma un prodotto multiuso e salvaspazio.

Ancora potete portare, bustine con fogli imbevuti di acetone per le unghie ( anche se comunque io vi convinco di fare il semi-permanente o usare sempre uno smalto chiaro…le imperfezioni si noteranno molto di meno)

Se nonostante la mia lista dimenticate qualcosa, leggete il mio articolo per ricette di bellezza con prodotti naturali che possiamo facilmente reperire in viaggio!

Travel

Ibiza-guida di viaggio ed esperienze da fare

Ormai ad Ibiza siamo di casa, non c’è anno in cui non decidiamo di trascorrere un po’ di tempo sulla bella isola delle Baleari; Ibiza è un’isola che accoglie tutti, qualunque siano i suoi interessi, la sua idea di vacanza e la sua età. Se pensi di andarci anche tu quest’estate allora abbiamo preparato per te una piccola guida a Ibiza con alcuni consigli utili.

 

Come Muoversi a Ibiza

L’ideale per spostarsi a Ibiza è noleggiare l’auto. L’isola non è piccola, le spiagge belle sono disseminate lungo tutta la sua costa così come i club e ristornati. Puoi noleggiare un’auto dall’Italia cercando i più famosi gruppi internazionali di noleggio auto. Se non sei in possesso di una carta di credito puoi leggere QUESTO articolo in cui ti spieghiamo cosa fare.

 

Ti stai chiedendo se è possibile muoversi ad Ibiza con i mezzi pubblici? La risposta è si. Addirittura per le discoteche esiste un bus notturno che effettua le varie fermate presso o club più famosi.

Il costo del Discobus di Ibiza è di circa 12 euro.

Il costo di un autobus ad Ibiza ordinario va da euro 1,80 circa 3,00.

Nei periodi di alta stagione ad Ibiza, le corse aumentano notevolmente.

cover-noleggiare-un'auto a Ibiza senza carta di credito

 

Dove mangiare a Ibiza

 

Ibiza non è un’isola economica, ma in QUESTO ARTICOLO vi abbiamo svelato come mangiare bene e spendere poco sull’isola.

Sicuramente per mangiare a Ibiza senza spendere per forza una fortuna, la zona che vi consigliamo maggiormente è Sant Antoni.

Se volete concedervi una cena romantica potete invece optare per i ristornati bellissimi che vi abbiamo elencato in QUESTO ARTICOLO.

Nella zona de La Marina di Ibiza, mangiate in ristoranti di fascia media, molti sono italiani e le cucine sono aperte anche fino alle 4 del mattino (perfetto per quando uscite dal club)

I supermarket turistici non sono molto economici ovviamente, come sempre, ma forse potete trovare prezzi più competitivi nel Nord di Ibiza nella zona di Cala Llonga. Nella stessa zona trovate delle taverne sul mare in cui c’è la possibilità di mangiare con un menù a prezzo fisso di circa 12 euro a persona.

mangiare a ibiza--ristorante pandok-cala llonga

Le spiagge

Ci sarebbe davvero tanto da scrivere. In tutti questi anni non sono riuscita ancora a creare una classifica delle spiagge più belle ma sicuramente un posto speciale nel mio cuore lo occupa Cala Llonga.

Le spiagge a sud sono affollate ma bellissime Playa Las Salinas e Cala Comta.

Nel caso di Playa Las Salinas vi consigliamo di prendere ombrellone e lettino in uno dei lidi, il nostro preferito è il Beso Beach.

 

Affollata e poco adatta alle famiglie è la zona di Playa d’en Bossa, frequentata soprattutto da giovani.

Per coppie tranquille e famiglie con bambini ci sentiamo invece di segnalare le spiagge di Sant Vincente e di Cala Tarida.

In linea generale di spiagge di Ibiza sono sabbiose, le acque sempre cristalline e con fondali che scendono dolcemente. Tutte le spiagge sono adatte allo snorkeling, quindi non dimenticate la maschera!

Una spiaggia che abbiamo amato è Cala d’Hort, di fronte alla magica e misteriosa Es Vedrà; da qui potete godervi uno dei tramonti più suggestivi e mozzafiato di Ibiza.

Cala Llonga-ibiza ipnotica cala llonga-spiagge di Ibiza a nord-est

Dove alloggiare a Ibiza

Questo dipende molto dall’età e dal tipo di vacanza che avete scelto.

Per i giovani in cerca di movida consigliamo sicuramente le zone di Playa d’en Bossa e Sant Antoni. I prezzi sono sicuramente anche più abbordabili e a tal proposito vi consigliamo di dare uno sguardo alla catena Playasol.

 

Se preferite alloggiare in una zona di più tranquilla allora noi vi consigliamo Cala Tarida ma anche Cala Llonga. Dobbiamo avvertirvi però che a Cala Llonga e nel Nord dell’isola i prezzi per alloggiare potrebbero essere più alti e la movida qui è ridotta ai minimi termini.

 

Per le famiglie consigliamo di alloggiare in tutta la zona di Santa Elauria ma anche nella zona Di Sant Vincente. Troverete molti hotel, vicinissimi alle spiagge e a tanti deliziosi ristorantini.

hotel Playasol cala tarida ibiza 2

La movida

Sarebbe inutile sprecare troppe parole sulla movida di Ibiza. Ibiza è semplicemente la capitale europea della vita notturna. Ogni party è uno spettacolo organizzato nei minimi dettagli.

Vi segnaliamo comunque gli imperdibili beach party dell’Ushuaia Beach Club. Inoltre, spesso Ushuaia e Hï Ibiza (ex The Space) sono convenzionati, per cui con un biglietto accedete a entrambe le feste.

I nomi dei club più famosi di Ibiza sono ovviamente Pacha, Privilege, Dc10, Destino e Amnesia.

Se cercate un altro tipo di movida magari più tranquillo e caratteristico allora vi segnaliamo:

Aperitivi a Sant Antoni

La festa dei Tamburi a Cala Benirras

Il mercatino hippie serale di Las Dalias

Party sul catamarano al tramonto

 

ushuaia-hotel-ingresso3-min

 

Altre esperienze a Ibiza

Ci siamo innamorati dell’isola perché non finiamo mai di scoprire qualcosa.

C’è sempre una festa nuova, un’esperienza nuova, qualcosa di unico che non ti stanca mai.

Volete sapere quali esperienze non perdere a Ibiza?

Se conoscete altre esperienze, poco note, da poter fare a Ibiza segnalatecele nei commenti.

A Settembre 2019 saremo di nuova sulla Isla Bonita e possiamo testarle per voi e inserirle nella nostra guida!

Fai Pin e leggilo dopo

Ibiza Pinterest
format Pinterest3
Ibiza Pinterest

Cosa indossare a Ibiza-Cosa indossare ai mercatini Hippie
Fashion Travel

Cosa indossare a Ibiza-outfit e consigli per la vostra valigia

Lo ammetto, quando ho preparato la prima volta la valigia per Ibiza…non sapevo proprio cosa portare! Roba comoda? Outfit stravaganti…o magari qualcosa di più chic? Giuro, è stato peggio del solito. Oggi che invece sull’isola sono di casa, posso darvi qualche consiglio su cosa indossare a Ibiza, dove e quando e mostrarvi anche qualche idea outfit.

Aprite l’armadio e cominciate subito a cercare i capi giusti ma ricordate sempre che solo ad Ibiza potete scegliere di mostrarvi sempre come siete e come volete.

Cosa indossare sulle spiagge di Ibiza:

Le spiagge di Ibiza non immaginatele tutte uguali, la gente che le frequenta, i locali e l’organizzazione sono molto diversi da una parte all’altra dell’isola. La zona sud è la zona della movida, dei beach party e delle spiagge affollate, la parte nord, molto più tranquilla , è frequentata da tantissime famiglie.

Se decidete di trascorrere la giornata nella zona di Playa d’en Bossa ecco qualche outfit che vi permette di trasformare l’outfit da spiaggia in un outfit in un outfit da aperitivo,beach party o pool party per scatenarvi nei beach club più cool dell’isola.

cosa indossare a ibiza in spiaggia-2

 

Pranzo in spiaggia a nord di Ibiza

Se invece siete tipe da “ma quale movida? Io sto qua per rilassarmi” vi consiglio di trascorrere una piacevole giornata di mare a Cala Llonga (in tanti già sanno che è la nostra spiaggia preferita sull’isola” e mangiare in zona, magari in una delle taverne informali sulla spiaggia.
Informali vero, ma Ibiza è sempre Ibiza, quindi look pratico che si trasformi all’occorrenza in qualcosa di carino e sistemato

cosa indossare a ibiza in spiaggia-1

Cosa indossare per l’Aperitivo a Sant’Antonio

Uno dei tramonti più belli dell’isola è proprio a Sant’Antonio e potete goderlo in uno dei tantissimi bar e lounge bar che trovate nella zona del porto (il Fresh, il Savannah, il Khumaras o il Cafe del mar). In questo caso, il look dipende un po’ dal posto che avete scelto e da cosa prevede il resto della serata. Ad ogni modo vi suggerisco, qualcosa di più chic per il cafè del mar, mentre per luoghi più giovanili come il Fresh, un look informale sarà comunque perfetto.

cosa indossare a Ibiza per l'aperitivo a San Antoni

Visitare Villa dalt

Se è la prima volta a Ibiza, certo non potete rinunciare ad una bella passeggiata nella cittadella fortificata di Ibiza. D’obbligo in questo caso sono le scarpe comode per le salite e le discese che incontrerete. Vi piacerà scoprire quest’anima vintage e autentica di Ibiza che personalmente mi ricordava un po’ anche la Grecia, con piccoli bar nascosti tra case bianche e all’ombra di bouganville in fiore.

Quindi mettiamoci fresche e partiamo con un top sbarazzino, shorts in jeans e magari sandali comodi ma anche freschissimi!

cosa indossare a ibiza per vistare la cittaCosa indossare a Ibiza per i mercatini hippie

Il mio preferito? La Dalias senza dubbio! Tra l’altro, il mercoledi il mercato è aperto fino all’una di notte ed è un’esperienza carinissima che vi permette si immergervi nell’anima hippie di Ibiza. Io nei mercatini dell’isola mi sento così a mio agio: look bohemien, stivaletti country e coroncine anni 70….perchè si per calarvi completamente nello spirito dei mercatini hippie dovete sfoggiare tutti i vostri pezzi più vintage e boho!

Cosa indossare a Ibiza-Cosa indossare ai mercatini Hippie

 

Cosa indossare a Ibiza per una serata glamour

Ad Ibiza ci sono ristornati belli e anche il ristornate più piccolo è curato nei minimi dettagli. Mettiamo che una sera, vogliate concedervi una cena romantica o ultra chic in uno dei localini più belli della Isla: vi serve un outfit glamour, qualcosa che brilli e un bel tacco vertiginoso (sempre che dopo non dobbiate andare a fare quattro salti all’Amnesia, perchè in quel caso è meglio indossare scarpe comode). Oppure classico abitino nero corto con una collana importante, di quelle che riescono a trasformare anche il più anonimo dei capi e tacco medio e comodo

cosa indossare a Ibiza per essere eleganti

 

cosa indossare a Ibiza per una cena elegante

castelli di baviera-castello di Neuschwanstein.
Travel

Castelli della Baviera-tour organizzato

Credo che esista un tipo di turismo davvero unico, una nicchia molto interessante in cui si concentrano gli amanti dei Castelli e per loro, tappa obbligatoria o inserita nella wishlist, è la Baviera…i castelli della Baviera.

Tra gli innumerevoli tour organizzati nei paesini della Baviera che ospitano queste costruzioni da sogno, uno dei più apprezzati è quello che conduce alla scoperta dei castelli di Linderhof e Neuschwanstein.

È possibile organizzare da sé il proprio tour, ma se non avete mezzi a disposizione allora esistono tour molto belli che vi conducono presso queste due residenze da sogno.

Potete acquistare i biglietti online e il costo sarà di circa 57 euro a persona.

Durante il viaggio, non scoprirete solo la maestosità dei castelli della Baviera ma anche i suoi paesaggi incontaminati, illustrazioni di libri di fiabe che prendono vita;

Distese di verde rigoglioso sorvegliato da montagne silenziose che quasi proteggono il paesaggio.

Per l’ingresso ai castelli, attraverserete bellissimi giardini tutti da fotografare. Camminerete in un dipinto in cui uomo e natura hanno collaborato alla perfezione.

Per visitare gli interni, acquisterete il biglietto all’ingresso del castello.
Un biglietto di circa 27 euro vi permette di visitare sia il castello di Linderhof che il castello di Neuschwanstein.

Ricordate però che all’interno di questi castelli è VIETATO FOTOGRAFARE!

Inoltre se prevedete di fare il tour dei castelli della Baviera nei mesi estivi, ricordate che già intorno alle 12:00 i biglietti per l’ingresso potrebbero essere già esauriti o la fila per l’acquisto potrebbe essere piuttosto lunga.

Se volete scoprire qualcosa di più di questi castelli della Baviera ecco qualche notizia.

Castelli della Baviera:

Il castello di Linderhof

castelli di baviera- castello di di Linderhof

Il castello di Linderhof fu il castello amato da re Ludovico, un luogo per isolarsi e pensare in solitudine.
Ispirato alle residenze francesi del Regno di Luigi XV, il suo interno è un tripudio di opulenza e ricchezza ostentata.

I giardini del castello di Linderhof sono un mix tra l’arte dei giardini francesi e quella inglesi.

Da non perdere sono le costruzioni proprio all’ interno dei giardini quali, il chiosco moresco e la casa marocchina, simboli della passione per il mondo orientale di Ludovico.

Il castello di Neuschwanstein

castelli di baviera-castello di Neuschwanstein.

Cosa vorrà mai significare Neuschwanstein, nome lungo e quasi impronunciabile? Ebbene la traduzione potrebbe essere “la nuova raccoforte del cigno”, poiché edificato nell’omonima contea.

A guardare questo castello, non si può non pensare alle favole della Disney: in effetti la “Fabbrica delle principesse” più famose del mondo si è ispirata ad esso per i suoi film d’animazione amatissimi da grandi e piccini.

Inoltre pare che questo sia stato un vero e proprio omaggio da parte di Ludovico al compositore Richard Wagner.

Stile neogotico all’ esterno, eleganza, sfarzo e comfort all’interno.

Eh già, il castello era infatti già provvisto di camini in grado di autoregolarsi e di toilettes.

La sala del trono si presenta come un vero e proprio luogo sacro a conferma del potere divino del monarca.

Se volete acquistare i biglietti online, visitare i bellissimi castelli della Baviera e saltare le lunghe file d’attesa potete prenotare a questo LINK

Aperitivi a Napoli-i posti piu belli per l'aperitivo a Napoli e dintorni
Lifestyle Travel

Aperitivi a Napoli-i posti più belli dell’estate

Amanti degli aperitivi, la vostra stagione é finalmente arrivata.

Fine giornata, addio ufficio, direzione mare e poi un mojito ghiacciato o magari un analcolico alla frutta e il sole che va giù! Scoprite con noi i posti più belli per gli aperitivi a Napoli in estate.

Roof & Sky: Asteco e cielo

Uno dei locali più particolari nella zona di Bacoli. il Roof & Sky è una piattaforma galleggiante che in estate si trasferisce in mezzo al lago e si raggiunge con una barchetta. Ogni sera fino alle 21 trovate anche un abbondante buffet per accompagnare il vostro drink e noi ve lo consigliamo anche per eventi ( qui ho festeggiato i miei 30 anni).

Roof&Sky bacoli-aperitivi a Napoli belli

Nereis

Uno dei locali più in voga della città, uno degli aperitivi a Napoli più suggestivi. Cosa ci piace del Nereis e cosa rende unico il tramonto? Gli asciugamani poggiati sulla sabbia a pochi passi dal mare e la luce morbida delle lanterne. Un ambiente bohemien e molto chic.

nereis-aperitivi a Napoli belli

pic by http://www.nereis.it/

Bar Etoile Pozzuoli/pasticceria Ranieri

Indubbiamente uno dei bar pasticceria più noti della zona, il bar Etoile sul lungomare di Pozzuoli da cui ci gode una splendida vista e cocktail impeccabili. Buona, bella e abbondante la varietà di stuzzicherie proposte ogni sera…e se vi piace qualche piatto in particolare, perchè non fermarvi a cena?

Lo schiacchetiello

Non é un vero aperitivo di quelli tutto alcool musica e stuzzichini ma se vi basta una birra ghiacciata e una confezione di chips, lo schiacchetiello possiamo considerarlo uno degli aperitivi più belli della città. Barchette di pescatori e acqua cristallina…uno scorcio di Grecia nella zona di Bacoli.

Veliero Tortuga

Questa è una delle esperienze davvero carine che potete fare a Napoli, un aperitivo a bordo di un bellissimo vascello che costeggia il lungomare di Napoli. Controllate il sito del Veliero Tortuga di tanto in tanto, troverete lì tutti gli eventi compreso gli aperitivi al tramonto o le cene romantiche o spettacolo.

veliero tortuga-aperitivi a Napoli belli

Pic by https://velierotortuga.it

Bar del mare Posillipo

Tra gli aperitivi a Napoli più belli e suggestivi vi citiamo anche un posto scoperto da poco, il Bar del Mare di Posillipo e volete sapere perchè? Per la sua location, una delle location più suggestive della città, Riva Fiorita, uno dei punti da cui godersi la maestosità del Vesuvio in tutto il suo splendore.Grandi cuscini a terra, vini e cocktail ricercati, gustosi taglieri…direi che non manca niente…

Ristorante-bar-del-mare-posillipo-12

pics by http://www.serateanapoli.it/locations/taverna-bar-del-mare-posillipo-via-ferdinando-russo-18/

cosa mettere a Santorini-idee outfit
Fashion

Cosa indossare a Santorini- outfit da mettere in valigia

Se il cruccio di noi donne è “cosa mi metto?” quando siamo in partenza diventa “cosa mi porto?”  In questi giorni la mia carissima amica Valentina mi suggeriva proprio di inserire una rubrica di outfit da mettere in valigia e consigli di moda e praticità per i vari posti che ho visitato. Mi è sembrata una bellissima idea, cosi inauguro questa rubrica con la più romantica delle isole greche e vi spiego cosa indossare a Santorini.
Santorini è una tele bianca con pennellate di blu ed è impossibile non mettere in valigia capi che ne richiamino i colori (perfetti anche per le vostre foto di instagram!)  ecco quindi una carrellata di outfit facili con capi che potete trovare ovunque.

Cosa indossare a Santorini- Outfit per Passeggiata e foto a Imerovigli

Imerovigli sono una delle zone più fotografate (e instagrammate) di Santorini, quale potrebbe essere l’outfit perfetto per questa distesa di bianco affacciata sul blu? Dunque se avete intenzione di fare una passeggiata  a Skaros Rock allora vi consiglio di munirvi di scarpe comode. Non è necessario siano da trekking ma devono permettervi di stare comode per affrontare la salita sotto al sole in tutta tranquillità. Se invece volete godervi semplicemente il panorama, tra le stradine in salita e in discesa allora potete scegliere di indossare sandali bassi, uno shorts di jeans e magari una camicia bianca molto leggera.

cosa mettere a Santorini-idee outfit

Cosa indossare a Santorini per l’aperitivo al tramonto

Non potete perdere il famoso tramonto di Santorini o meglio lo spettacolo del Tramonto a Oia. Scegliete il vostro bar preferito vista mare, ordinate una birra Mythos e godetevi uno dei tramonti più belli a cui potrete assistere in tutta la vostra vita.
L’outfit giusto per il tramonto di Santorini? Allora vi consiglio un vestito leggero in pizzo bianco, comodo abbinato come sempre a sandali gioiello bassi e una borsetta a tracolla piccola ma abbastanza capiente.

cosa indossare a Santorini-Aperitivo a oia al tramonto

Outfit per il Pranzo domenicale a villaggio pescatori

Non perdetevi un pranzo a base di pesce fresco nel villaggio di Ammoudi. Taverne informali con tavoli direttamente sulla banchina che propongono piatti gustosi accompagnati da vini di ottima qualità. Il pranzo ad Ammoudi è un’esperienza easy-chic e l’outfit giusto potrebbe essere esattamente cosi:short color cognac, camicina bianca, una borsa a tracolla, sandali comodi e un foulard intonato easy chic.

cosa indossare a Santorini a pranzo

Cosa indossare a Santorini per una Cena romantica

Siete nell’isola più romantica d’Europa, godetevi una cena ad Oia con vista sul mare e sulle mille luci degli hotel sulla scogliera. In questo caso vi consiglio qualcosa di chic ma comodo, perché ricordate che anche Oia si costruisce su salite e discese per cui il tacco dodici è assolutamente sconsigliato. Scegliete una gonna o in alternativa un shorts elegante, un crop top, entrambi magari nei colori dell’oro o della terra per esaltare l’abbronzatura. Non dimenticate la giacca, spesso la sera Santorini è umida o nel peggiore dei casi ventilata. Oppure un total black con un gioiello importante e sarete perfette!

cosa indossare a Santorini-cena romantica

cosa indossare a Santorini-outfit serale

Outfit per una Visita pomeridiana della città di Fira

Non perdetevi Fira, un’altra perla bianca dell’isola; perdetevi tra le stradine, cercate gli scorci più belli, visitate le bellissime chiese ortodosse. Cosa indossare?bene anche in questo caso qualcosa di chic: pensavo a shorts bianchi, una camicia leggera azzurra oppure qualcosa color sabbia, cappellino di paglia e le espadrillas sempre chic ma comodissime.

cosa indossare a Santorini-visita a fira

Cosa indossare per la Wine experience al Santowine

Santowine è una della enoteche più famose dell’isola. Con pochi soldi vi godete un fantastico aperitivo con vari assaggi di vini locali. Ancora una volta è il bianco a farla da padrone, anche in questa location quindi vi propongo sempre qualcosa di chic, ideale per questa esperienza di gusto: uno shorts in denim chiaro o bianco con una blusa morbida in sangallo bianco.  potreste abbinare poi una zeppa e una borsa di piccole dimensioni elegante ma non troppo.

cosa indossare a Santorini-aperitivo al SantowineEd ecco alcune fashion tips, quello che non dovete assolutamente dimenticare di mettere in valigia:

Scarpette per gli scogli

Il fondale di Santorini non è esattamente sabbioso, spesso troverete rocce e scogli per non parlare poi della Black beach: al sole quella sabbia diventa rovente…avere le scarpette vi aiuterà

Giacca per la sera

Si tratta pur sempre di un’isola e sebbene non sia molto ventilata, la sera l’umidità potrebbe infastidirvi. Portate con voi un blazer o una giacca classica bianca o nera che potrete abbinare praticamente con tutto.

Giacca a vento per la sera se avete noleggiato uno scooter

Non preoccupatevi non vi rovinerà il look chic per Santorini(potete lasciarla tranquillamente nel bauletto dello scooter) e vi proteggerà da fastidiosi colpi di fresco. Il noleggio dello scooter a Santorini è quasi obbligatorio per spostarvi da una zona all’altra per questo riparatevi o sarà davvero insopportabile.

Scarpe da trekking

Se avete intenzione di visitare la caldera non sfoggiate le sneakers più fashion o quelle a cui siete più affezionate. Scegliete scarpe adatte per camminare su una terra rovente. Inoltre evitate colori chiari e il bianco che diventeranno praticamente Neri.

Sandali gioiello non troppo alti o flat

Io non mi sento di consigliarvi i tacchi a spillo per il fatto che camminare a Santorini, tra salite e discese metterebbe a dura prova anche le top model. Se le scarpe flat proprio non riuscite ad indossarle allora tacco non troppo alto, bello doppio e soprattutto…collaudato!!!

santorini-imerovigli-9
Travel

Tre giorni a Santorini-Guida per visitare tutta l’isola in tre giorni

Quanti giorni servono per vistare e godersi Santorini? In realtà non tantissimi, possiamo garantirvelo. Santorini è stata una delle tappe del nostro TOUR DELLE CICLADI e ci sono bastati tre giorni e mezzo per viverla in maniera fantastica. Siamo sicuri che basteranno anche voi e il vostro viaggio a Santorini potrebbe diventare una fuga romantica per il week-end. Ecco quindi gli itinerari day by day per trascorrere tre giorni a Santorini in maniera indimenticabile.

Tre giorni a Santorini: cosa riuscirò a fare?

Tranquilli, in tre giorni a Santorini riuscirete a fare quasi tutto:passeggiate, mare, cene, aperitivi e tutto quello che avete sempre sognato di fare su quest’isola.

Certo la prima cosa fondamentale sarà noleggiare uno scooter che vi permetterà di sposarvi più facilmente da un punto all’altro dell’isola e di poter visitare più punti in una giornata.

Ecco i nostri tre giorni a Santorini con relativi “programmi”.

Giorno 1 a Santorini

Dopo la colazione, noleggiate il vostro scooter e partite alla scoperta dell’isola. Prima tappa, Imerovigli dove scatterete bellissime foto al blu dell’Egeo, alla caldera e alle manciate di case e hotel bianchi a picco sulla scogliera.

Se amate le passeggiate e il trekking, esplorate la rocca di skaros: arrivando in cima avrete una vista spettacolare dell’isola  dal mare.

Insalata greca per pranzo e poi pomeriggio in spiaggia vi suggeriamo di cominciare con la Black beach di Perissa o Kamari, zone in cui vi conviene anche alloggiare.

A Santorini, l’aperitivo al tramonto è immancabile quindi per questa giornata comprate una pita e una Mythos ghiacciata e godetevi lo spettacolo del sole dal faro di Akrotiri.

Per la cena vi consigliamo di spostarvi verso Fira dove troverete locali molto carini e a prezzi contenuti e dopo potrete farvi una passeggiata o godervi un drink tra le sue stradine.

tre giorni a Santorini-itinerario giorno 1

Giorno 2 a Santorini

Oggi invece con il vostro scooter recatevi alla Red Beach di buon’ora così eviterete un po’ di folla, anche perché la spiaggia rossa è veramente piccola.

Alla Red beach troverete anche l’imbarcazione per spostarvi alla  alla White beach dove potrete trascorrere ancora un altro paio di ore tra sole e e nuotate nelle acque cristalline di Santorini.

Tornate quindi al vostro scooter e per pranzo recatevi ad Oia.

Mangiate una pita e poi partite alla scoperta di questa piccola perla di Santorini.

Trascorrete lì l’intero pomeriggio e aspettate quindi il tramonto, il famoso tramonto di Santorini. Se volete potete concludere la serata proprio in uno dei ristornati della zona da cui godrete di una vista stupenda dell’isola illuminata.

tre giorni a Santorini-giorno 2

Giorno 3 a Santorini

I tre giorni a Santorini stanno per concludersi. Le tra spiagge colorate dell’isola le avete viste quindi adesso potete visitare Fira di giorno.

Potrete arrivare in cima alla città in due modi: con i famosi asinelli (noi non siamo molto d’accordo e per di più è scomodissimo) oppure con la funivia.

Fira è molto bella ed è un luogo adatto anche allo shopping di souvenir.

Per pranzo recatevi ad Ammoudi Bay, un bellissimo villaggio di pescatori dove troverete ristoranti con i tavoli direttamente sulla banchina da cui potrete gustare ottimo pesce fresco.

Per concedervi un altro bagno a Santorini, spostatevi sulla spiaggia di Vlichada, caratterizzata dalla sua scogliera bianchissima, modellata dal tempo e dagli agenti atmosferici tanto da farla sembrare una scultura.

Non può mancare l’ultimo aperitivo al tramonto e a questo punto potete recarvi al Santowine per un aperitivo a base di vino locale in una location molto chic.

Idee per la cena? Eccovi servitie. A Vlichada avrete notato le taverne caratteristiche che si trovano poco prima della spiaggia; ebbene lì il cibo è ottimo, l’atmosfera è autentica cosi come la cordialità e il prezzo è davvero contenuto. Concedetevi una bella cena li, stile vecchia Grecia che chiuda alla perfezione questi tre giorni a Santorini.

re giorni a Santorini-giorno 3