fbpx

Category / emporium

emporium Lifestyle

Intervista per il Blog Viaggiando A Testa alta di Cassandra Testa

Abbiamo conosciuto il blog di Cassandra Testa, sul nostro social preferito Instagram. Ci piace moltissimo guardare le foto di altri Travel Blogger su questo social, grazie alle loro immagini conosciamo luoghi sempre diversi in Italia e all’estero. Il profilo Instagram di Cassandra è sempre stato uno dei nostri preferiti, probabilmente perchè le sue foto sembrano dei disegni dai colori pastello, ma mai avremmo immaginato di finire in un’intervista sul suo blog Viaggiando A Testa Alta.

Cassandra in questa simpatica intervista ci ha dato modo di farci conoscere un po’ ma soprattutto dà la possibilità ad ogni travel blogger di far conoscere un po’ di più questo nostro mondo di scrittura e di viaggi, un mondo in cui o passi ore al pc a scrivere ed editare immagini o passi ore e ore ad esplorare paesi lontani e vicini, scattare foto e segnare sul tuo diario di viaggio il nome e il menu di ogni ristorante in cui ti fermi a mangiare.

Il suo blog  e i suoi viaggi sono veramente adatti a tutti e trovate tantissimi articoli: viaggi in Italia e all’ estero, guide ma anche tante curiosità e informazioni utili per organizzare i vostri viaggi.

E poi Cassandra, che abbiamo imparato ormai a conoscere è propositiva e le sue iniziative ci piacciono sempre tantissimo, proprio come questa intervista che trovate QUI.

Noi vi consigliamo veramente di passare sul suo blog, troverete non solo le esperienze di una grande viaggiatrice ma anche la vita di una ragazza deliziosa.

eva lab candele personalizzate fatte a mani a Napoli Costiera Pallette
emporium Lifestyle

Eva Lab, candele ed eventi- Una nuova collaborazione

Sapete quanto mi piacciono le candele, io stessa in passato ho provato a farne, cosi quando ho ricevuto la proposta di collaborazione con Eva Lab ne sono stata felice e onorata.
Eva Lab è un piccolo brand tutto al femminile della nostra bella Napoli, un marchio giovanissimo, un laboratorio di idee fantastiche per ogni occasione. Le candele sono la produzione principale del marchio ma si occupano di tantissimi altri prodotti personalizzabili:iniviti, partecipazioni, adesivi, allestimenti per baby shower, addio al celibato, proposte di matrimonio e tantissimo altro.

Quando le ragazze di Eva Lab mi hanno raccontato la loro storia ne sono rimasta entusiasta: cominciamo a realizzare candele personalizzate così per gioco, per comunioni, matrimoni, battesimi e altri eventi nelle proprie famiglie. Hanno poi cominciato a piovere richieste e così due mesi fa è nata la loro pagina Facebook e a breve sarà online il loro e-commerce.

Eva Lab conosceva la mia passione per le candele e la mia professione di designer …quindi perché non contribuire subito diventando designer ed ambassador di questo
Promettente brand partenopeo?Francesco mi ha spinto subito ad accettare, sapeva che Eva lab aveva tutte le carte in regola per piacermi:

  • Made in Italy
  • Fatto a mano
  • Una mission a dir poco meravigliosa cioè rendere felici le persone e indimenticabili i loro momenti speciali.

In più le candele oltre ad essere belle, personalizzabili e confezionate in maniera meravigliosa sono anche molto resistenti, hanno un profumo neutro e la cera si scioglie dall’interno lasciando quindi la stampa sempre visibile.

Vedremo questo progetto dove mi porterà ma sicuramente ho già tantissime idee da proporre… chissà magari un giorno ci sarà una collezione ispirata proprio ai viaggi.

Nel frattempo date uno sguardo alla loro pagina Facebook  chissà magari troverete il regalo adatto per una persona speciale o potreste proporre quell’idea per la vostra “occasione speciale” che Eva Lab potrebbe realizzar per voi

eva lab candele personalizate 1
eva lab candele personalizzate3
eva lab candele personalizate 2
eva lab candele personalizzate 4

viaggi on he road cosa portare
emporium Lifestyle

Viaggi on the road, cosa non devi assolutamente dimenticare

Siamo dei veri fanatici dei viaggi on the road… viaggiare in auto ci piace da morire. Lo stereo ad alta voce che suona le nostre playlist preferite sembra fare da colonna sonora al viaggio. La strada, a volte asfaltata a volte dissestata, riserva sempre scorci inaspettati e incredibilmente belli. Muoversi, spostarsi da un luogo a un altro, visitare posti difficili da raggiungere con altri mezzi, senza orari, senza stress nella libertà più totale. Fermarsi in un piccolo bar neanche segnalato sulle mappe per assaggiare qualcosa di tipico e chiedere informazioni oppure sostare nel più grande autogrill per fare colazione e leggere il giornale. Questi sono piccoli e grandi dettagli che ci fanno amare i viaggi on the road!

Nel corso degli anni abbiamo imparato come organizzarci ; spesso dimenticavamo qualcosa che poi eravamo costretti a comprare o tralasciavamo di portare altre cose che avrebbero reso il viaggio più confortevole.

Per questo abbiamo preparato un piccolo promemoria di cose indispensabili o di cose da fare assolutamente per affrontare un viaggio on the road in qualunque stagione dell’anno.

 

  • Power bank
  • Salviettine imbevute
  • Disinfettante per le mani
  • Stradario
  • Borsa frigo
  • Occhiali

 

viaggi on he road cosa portare

 

Power bank

 Dovete sempre avere a disposizione qualcosa che vi permetta di caricare il cellulare. Spesso i viaggi sono lunghi o comunque si viaggia all’avventura per cui non si conoscono le ore di viaggio prima della sosta o della sistemazione in hotel. Per questo è necessario che il cellulare sia carico e vi permetta di chiamare o ricevere chiamate se non addirittura collegarvi ad internet, magari per accedere alle indicazioni stradali o reperire il numero e l’ indirizzo di una struttura.

 

Salviettine imbevute

 Perché le consigliamo tra le cose da portare nei viaggi in the road? Semplice! il pacchetto di fazzoletti normali non basta: queste vi aiutano con il sudore, per pulire le mani dopo mangiato ma anche semplicemente se qualcosa si rovescia in macchina, ad esempio il caffè ( noi ne sappiamo qualcosa), a tamponare subito la macchia o pulire quello che eventualmente si è sporcato. Insomma non dimenticatele assolutamente.

Disinfettante per le mani

Anche questa è una delle cose che con il tempo abbiamo imparato a portare con noi nei lunghi viaggi. È fondamentale ad esempio,quando si mangia in auto o dopo magari aver utilizzato il bagno in autogrill ( in cui spesso manca anche il sapone) o dopo un’escursione improvvisata. Noi lo portiamo sempre, e ce n’ è uno  fisso in automobile.

 

Stradario

Abbiamo imparato che è fondamentale non affidarsi sempre alla tecnologiaSoprattutto in aperta campagna, percorrendo stradine o sentieri, 3G e 4G vanno in down. Per questo è necessario avere sempre un riferimento in più per evitare di perdersi e perdere tempo.

Borsa frigo

 Spesso nelle nostre guide di viaggio vi abbiamo elencato alcune cose da portare con voi assolutamente durante escursioni o giornate in spiaggia, tra queste appunto c’è la borsa frigo. Ecco anche durante un viaggio on the road è indispensabile: essa vi permtterà di conservare bene colazioni al sacco, acqua, ma può essere utile anche per alcuni medicinali, nel caso in cui facesse particolarmente caldo all’interno o all’esterno del veicolo.

 

Coperta e cuscino

Per i viaggi in auto molto lunghi é fondamentale che di tanto in tanto ci si dia il cambio alla guida e si permetta all’altro di riposare nella migliore maniera possibile. Ciò ovviamente non vi da l’autorizzazione a togliere le cinture di sicurezza ma almeno potrete rilassarvi un pochino e nella maniera  più confortevole possibile.

 

Occhiali

Francesco li ha dimenticati tante di quelle volte che ormai non li toglie mai dall’auto. Quando il viaggio é lungo o l’itinerario prevede molte tappe in un giorno, come spesso accade nei coast to coast allora la stanchezza bisogna metterla in conto. Mai partire senza gli occhiali da vista e da sole.

 

Ovviamente oltre a tutti controlli necessari prima della partenza (olio,pressione gomme…) vi ricordiamo cosa dovete sempre tenere nella vostra automobile:

 

Cose da avere sempre in auto:

  • Documenti dell’auto …of course
  • Gilet ad Alta visibilità
  • Triangolo
  • Ruotino di scorta o kit di riparazione pneumatici
  • Ombrello
  • Impermeabile
  • Qualche busta in plastica o tessuto (credete a noi tornano sempre utili)
  • Fazzoletti di carta

Questa è una lista di cose di cui non facciamo mai a meno ma ci piacerebbe sapere cosa, secondo voi  non dovrebbe mai mancare per affrontare i viaggi on the road. Cosa portate voi? cosa dimenticate puntualmente? Quali sono invece le cose di cui non potete fare a meno nei viaggi on the road in moto? Fatecelo sapere assolutamente, siamo molto curiosi!!!

cosa fare carnevale in italia eventi in tutte le città
emporium

Carnevale in Italia- le feste più famose della nostra penisola

Febbraio, un mese breve ma super ricco di eventi, del resto è il mese della festa più folle dell’anno: Carnevale! 

Abbiamo deciso di creare per voi due post uno dedicato al Carnevale italiano,  e l’altro al Carnevale nel mondo. Cominciamo con il nostro Bel Paese, che è sempre un pozzo di storia, tradizioni ed eventi che si tramando di generazione in generazione (ahimè troppo spesso lo dimentichiamo!). Vediamo quindi le feste di carnevale più famose in Italia, da quelle famosissime a quelle forse meno note ma altrettanto spettacolari!

Carnevale di Venezia

è ovviamente uno dei più famosi e più ricchi di eventi, oseremo dire forse anche uno dei più costosi visiti i prezzi esorbitanti degli hotel in questo periodo ma anche di alcuni eventi stessi come l’ ambitissima cena di gala.

C’è da dire però che gli eventi sono davvero tanti e sono unici, come la festa sull’acqua, il volo dell’angelo, il concorso della maschera più bella.Eventi imperdibili da scoprire tutti sul sito ufficiale.

Carnevale di Viareggio

Insieme a quello di Venezia è il carnevale più noto e apprezzato per i suoi bellissimi carri di cartapesta che colorano le vie della città. Grandi e piccini mascherati, si godono questo spettacolo unico e a controllare che tutto vada bene, c’è ovviamente Burlamacco, la maschera  ufficiale di Viareggio.

Carnevale di Cento

Il Gran Carnevale d’Europa è a Cento ed è gemellato con quello Rio de Janeiro. Molto volti noti della nostra Tv lo amano e anche qui il programma è veramente gigante: sfilate, concerti di grandi artisti,carri mozzafiato e spettacoli pirotecnici.

Carnevale di Ivrea

Forse uno dei più divertenti e singolari: attesissima la battaglia di Arance che vengono scagliate dai carri. La battaglia ha origini antichissime e leggendarie: pare che questa battaglia oggi divertente, fosse stata in realtà una ribellione da un tiranno.

 

Carnevale di Acireale

bellissimo, il più bello della Sicilia; tra le strade, sfilano bellissime maschere in cartapesta, carri pieni di fiori e la banda. Un evento imperdibile che sa di tradizione e allegria.

Carnevale di Mamoiada

Siamo nell’altra grande isola della nostra Italia, la Meravigliosa Sardegna e durante questo Carnevale sfilano le maschere sarde tradizionali quali Mamuthones e gli Issohadores in una processione solenne e sacrale.

Carnevale di Maiori

Per quanto riguarda invece la Campania abbiamo il gran Carnevale di Maiori, che nel cuore della costiera Amalfitana, fa sfilare i suoi bellissimi carri di maschere in cartapesta e coinvolge tutti i centri abitati della zona. Non dimenticate di guardare attentamente anche gli abiti e le maschere che sono veramente bellissimi e preziosi.

 

Questi ovviamente sono solo alcuni degli eventi in programma per carnevale in Italia ma se conoscete altre feste imperdibili segnalatecelo nei commenti poi scegliete la vostra maschera e partite subito. Scoprite ancora una volta quante bellezza e tradizione esiste nella nostra bellissima Italia.

 

Carnevale di Putignano

il Carnevale più famoso della Puglia, ha anche per quest’anno un meraviglioso programma di eventi. Non manca ovviamente il concorso dei carri e soprattutto la maschera ufficiale pugliese Farinella.

Imperdibile quest’anno è  Heroes, una mostra di illustrazione di eroi…sul web non si parla d’altro!

street food cover
emporium Kitchen

street food napoletano-ecco cosa devi assolutamente mangiare

Niente ricette healthy, niente di salutare o naturale, oggi vi parliamo di street food, quello napoletano e… no non vi faremo un elenco dei posti più cool o modaioli della città , piuttosto vi parleremo di cibi della tradizione da mangiare esclusivamente per strada e i luoghi storici dove assaggiare la ricetta “original”.

Nello street food napoletano, un classico è sicuramente la pizza a portafoglio, Margherita o marinara; per chi non lo sapesse è la versione mini-size della pizza, piegata in quattro. Il re della pizza a portafoglio a Napoli è sicuramente la storica Friggitoria Fiorenzano nella Pignasecca.

pizza street food

Lo street food più originale è invece la trippa; assolutamente non-light, assolutamente poco sano ma assolutamente da mangiare… con una bella abbondante spruzzata di limone.

street food trippa

Un’altro evergreen dello street food Made in Naples è la “fritturina” che da noi comprende, in primis, zeppole, panzarotti (i nostri crocchè di patate) e frittatine.

I nostri panzarotti preferiti sono quelli della Friggipizza in via Leopardi, a Fuorigrotta, non sono proprio i classici ma a Napoli sono famosissimi.

street food street food

Pausa, fermiamoci a bere! Se avete sete non perdetevi la famosa acquaiola a due passi da Piazza del Plebiscito; granite e spremute sono buonisime e poi la signora è di una simpatia disarmante.

street food acquaiolo

Passeggiata a Mergellina! Che fai, qualcosina qua non te la mangi? Goditi la vista del mare, degli scogli e di Castel dell’Ovo gustando una birra ghiacciata con taralli “‘nzogna e pepe” ( strutto e pepe piccantissimo).

Taralli-napoletani street food

A Napoli puoi mangiare la pizza ovunque e a qualunque ora, ma se parliamo di street food allora non possiamo non suggerirvi la famosa pizza fritta e quella più famosa è sicuramente quella della Masardona.

street food fritta

E per concludere questa carrellata di leccornie super-caloriche un classico: le noccioline dolci. Le classiche noccioline ( da noi, “nocelline americane“) ricoperte di zucchero, da gustare rigorosamente calde, in qualunque momento in cui quel profumo dolce vi inebria.

street food noccioline

10-cose-da-fare-cover
emporium Travel

10 cose da fare in Repubblica Dominicana

Ecco un elenco di 10 cose che dovete assolutamente fare in Repubblica Dominicana

  1. Masticare della canna da zucchero appena colta e tagliata da un dominicano per assaporare tutto il suo sapore dolce, che non dimenticherete mai.
  2. Anche se non siete esperti, in Repubblica Dominicana dovete assolutamente provare ad andare a cavallo in un grande campo verde ma ancor di più in riva al mare
  3. Assaggiate il rum dominicano, ma soprattutto sorseggiatelo da una noce di cocco magari sulla spiaggia di fronte al mare
  4. Guidate un buggy a tutta velocità ed esplorate l’ entroterra dell’ isola
  5. Per tutti, consigliamo di indossare la maschera e fare snorkeling tra le meraviglie del mare dei Caraibi
  6. Il vero dominicano, vi porterà su una lancia e correrete con lui tra le onde dell’oceano Atlantico
  7. Godetevi il caldo e il sole ma riparatevi sotto una palma e schiacciate un pisolino, sarà il migliore della vostra vita.
  8. Fate una visita speleologica, la Repubblica dominicana è ricca di grotte e cave nascoste che custodiscono storie e segreti
  9. Assaggiate le aragoste, godetevi questo lusso ad un piccolo prezzo
  10. Cercate le stelle marine e stupitevi della loro bellezza, ma ricordatevi di non tenerle troppo fuori dall’acqua, morirebbe e qualche dominicano potrebbe arrabbiarsi
cose-da-fare-in-repubblica-dominicana

Chris-Christopher-McCandless
emporium

Chris McCandless- Ricordando Alexander SuperTramp

Chi era Chris o Alexander SuperTramp?

 

Sono gia passati  26 anni dalla sua morte, e per chi ha un blog dedicato ai viaggi e ai meravigliosi angoli di paradiso di cui ne è pieno il mondo, non si può non ricordare chi, del mondo ne ha fatto la sua casa: Christopher,Chris McCandless. Originario della California, Chris, proviene da una famiglia benestante, ma ahimè, come spesso succede in questi casi, quella vita così perfetta e quel futuro già programmato sembravano andare troppo stretti.

Sceglie così di lasciarsi alle spalle l’agiatezza in cui è sempre vissuto per inseguire il suo sogno (comune forse un po’ a tutti ma che pochi di noi hanno poi lo spirito di perseguire) : girare il mondo!

Inizia la sua avventura, che lo vede per due anni girovago, a contatto con nuove culture, alla scoperta di nuove realtà e di posti che fino ad allora avevo soltanto immaginato… chissà, forse di notte,nel buio della sua camera quando questa “folle” idea iniziava a farsi spazio nella sua mente!

Chris parte con un obiettivo ben preciso: girare il west degli United States per giungere nelle terre della lontana Alaska, dove finì i suoi giorni in un autobus, il “Magic Bus” (come lui stesso lo chiamava), dopo aver ingerito probabilmente qualche bacca non commestibile, o magari per fame o freddo… le ipotesi sono molteplici, chi può dirlo com’è andata veramente?

Per le sue scelte viene ancora oggi criticato da molti e sostenuto da altri, di certo lui non ha avuto rimpianti né rimorsi, come testimonia la frase rinvenuta all’interno del “Magic Bus”: « Ho avuto una vita felice e ringrazio il Signore. Addio e che Dio vi benedica! »

Di ragazzi come Christopher, o Alexander Supertramp, nome che aveva scelto per quest’avventura, ne è pieno il mondo, e chissà che un giorno girando per i corridoi dell’università tra un a lezione e l’altra o comodamente seduti al tavolino di un bar, non ci capiti di imbatterci nel “nuovo” Christopher McCandless; Aspettando con ansia di conoscere la sua identità, non possiamo che fargli un grosso in bocca al lupo e augurargli miglior sorte… ovunque e chiunque tu sia![/vc_column_text]

Felicità è vera soltanto se condivisa. 

Vi consigliamo assolutamente di guardare un bellissimo film che ripercorre la sua storia, intitolato: Into the Wild, di Sean Penn. 

[/vc_column][/vc_row]

calendario Aprile
emporium

Primavera in Aprile – Calendario BOHO-aprile 2017

Aprile…

Finalmente è arrivata la Primavera. Le giornate più lunghe, il sole sempre più caldo, il profumo dei fiori che tornano a colorare ogni paesaggio.

Quando il sole tramonta più tardi e il giorno trascorre così lentamente io mi sento più vivo; sento che posso fare di più, che posso moltiplicare le mie energie e concentrarle su molte più cose. Sento crescere la mia creatività e trovo ispirazione in una natura sempre più verde e più rigogliosa.

Aprile bussa già alla porta, portando con sé la Santa Pasqua, i pollini, un accenno del profumo di gelsomini e della brezza marina; cosa può esserci di più bello di questa semplicità? Credo niente, per questo mi godrò ogni singolo giorno ed ogni volta che segnerò con una “X” il giorno appena trascorso lo farò con la consapevolezza che domani sarà ancora migliore

otto marzo-festa della donna
emporium

otto Marzo- festa della donna oggi, ma domani?

Otto Marzo

otto marzo e  domani?

Inviano note audio su whatsapp già alle sette del mattino.Entrano da Zara nel periodo dei saldi per fiondarsi sulla nuova collezione, ma quando comprano fanno sempre  “un affare”. Acquistano tacchi alti per la prima volta ad Ibiza e indosseranno solo sandali ultra piatti già dalla seconda sera. Fanno la spesa “sana”… ma solo se decidono di mettersi a dieta. Sono accumulatrici seriali di cianfrusaglie per la casa, si lamentano tutte per l’omosessualità di Ricky Martin e tutte conoscono almeno una canzone di Laura Pausini. Poi qualcuna va nello spazio, qualcuna vince le olimpiadi con il fioretto, qualcuna stava addirittura per diventare presidente degli Stati Uniti, qualcuna ha vinto un Nobel per la medicina. Donne.

Eppure se,malauguratamente, una di queste ti sorpassa con l’ auto la chiami “puttana”,se ci sta la prima sera, stessa cosa e se non ci sta..idem. Se una lascia il fidanzato, è giusto rovesciarle dell’acido e sfigurarla per sempre. Se aspetta un bambino è giusto licenziarla ma è ancora più giusto farlo se ci provi con lei perché sei il capo e lei non adempie ad ogni tipo di  “mansione”. Discorsi vecchi? Superati? Allora proviamo con questi: è giusto infibulare le bambine perchè “so’tradizioni”, lapidare le donne perchè “so’tradizioni”, venderle in sposa perchè “so’tradizioni” …e le tradizioni, si sa, vanno rispettate dall’Oriente all’Occidente. E queste donne di oggi poi, così disinvolte, che guidano, fumano, studiano, guadagnano;quelle orientali che vogliono fare troppo le occidentali e le occidentali che si vogliono mettere il velo in testa…insomma avete ragione uomini, non c’è proprio più religione! Ah! Queste Donne!

Ma sapete una cosa?Mi dispiace solo che quelli come voi ,quelli che la pensano come voi, ancora li generiamo noi e soprattutto non ho ancora capito…ma com’è possibile che prendete sempre da papà?

otto marzo-festa della donna

Troppe volte abbiamo sentito dire che ” l’otto marzo è tutti i giorni” e che “la donna si festeggia sempre” ,ma già domani sentiremo di nuovi femminicidi, di donne costrette a vivere un incubo ogni volta che varcano la soglia di casa,di donne licenziate, molestate o additate per le scelte che alle società non piacciono.

La verità è che i luoghi comuni non crollano e le convinzioni del mondo in cui viviamo sono e saranno sempre le stesse.Anche i più “moderni” in realtà quando si tratta di certi argomenti, tanto moderni poi non sono e in realtà l’otto marzo è solo un giorno che profuma di mimose e cioccolatini. Per cui donne come al solito non ci resta che fare quello che siamo ormai abituate a fare: combattere, avere il coraggio di cambiare le cose, farci strada a gomitate  e imparare ad essere ancor di più solidali tra di noi, per migliorare un mondo che non può fare a meno di noi ma che allo stesso tempo..ancora non ci vuole.

cover image:

PEXELS

Collage image:

via Google

marzo-01
emporium Novità

Marzo-aspettando la primavera con il Calendario Boho-scarica gratis

Marzo…

Non ci credo, eppure siamo già a Marzo. Sembra ieri che pensavo ad alcune situazioni che avrei dovuto affrontare e che mi sembravano impossibili;per mesi mi sono chiesta se ce l’avessi fatta, fossi stata all’ altezza o comunque forte abbastanza da reggere tutto. La verità è che non lo so se sono stata forte ma sicuramente sono in piedi e ce l’ho fatta e adesso eccomi qui di nuovo, pronta per l’ ennesima volta a ricominciare, aprire un nuovo capitolo, riavvolgere il nastro e stravolgere di nuovo la mia vita.

Marzo sarà un mese di cambiamenti, di grandi esperienze e di poco tempo da dedicare ad alcune cose e tanto da dedicarne ad altre.Non riesco ad immaginare come saranno i giorni e le settimane per i prossimi sei mesi,a dirla tutta mi sento anche spaventata e ho la solita paura di non essere all’altezza delle aspettative di chi mi sta dando una grande possibilità.

Ma in questi mesi ho capito una cosa, che la paura è umana e per questo comune a tutti; esistono gli spregiudicati, i menefreghisti, gli impuniti ma no, non esiste nessuno che non abbia paura di qualcosa. La paura è l’emozione più adrenalinica di tutte. Ciò che conta veramente è stare attenti che questa non ci impedisca di dare il meglio di noi, mostrare chi siamo e cosa abbiamo da dire.

Per questo, anche se con il cuore in gola, il battito leggermente più accelerato e qualche farfalla nello stomaco dico…Benvenuto Marzo!

Emanuela

 

Regalo

Come promesso ecco il file di Marzo del calendario Boho.Come sempre puoi scaricarlo e stamparlo in lingua italiana o nella versione inglese

Present for you

 

As promised here is the file of March of  Boho calendar. You can download it and print it in Italian or in English Version

 

Graphic by

Freepick1

Freepick2