Tag / vacation

aperitivo al tramonto- baia sant antonio-tramonto
Travel

Aperitivo al tramonto ad Ibiza-due luoghi imperdibili i luoghi della Puestas del sol da non perdere

Ad Ibiza c’è un momento della giornata che è un quasi un rituale sacro e questo è l’ aperitivo al tramonto. Non si può dire di aver vissuto Ibiza se ci si è dimenticati di celebrare la puesta del sol che è un vero e proprio spettacolo e si conclude sempre con l’applauso del suo pubblico.

L’aperitivo al tramonto è parte integrante della vita Ibizenca e ci sono alcuni luoghi famosissimi, veri e propri del templi di questo rituale.Ecco 5 buoni motivi

Sai perchè tutti si innamorano di Ibiza?

 

 

L’aperitivo al tramonto di Sant Antoni de Portmany

aperitivo al tramonto-baia sant antonio-esterni cafe del mar

aperitivo al tramonto-baia sant antonio-cafe del mar-mojito

aperitivo al tramonto- baia sant antonio-tramontoLa zona di Sant Antoni è una delle zone più conosciute di Ibiza, soprattutto per la movida serale piuttosto intensa. Questa è la zona di Ibiza maggiormente frequentata dai turisti inglesi,piuttosto moderna dal punto di vista urbanistico,Sant Antoni ospita uno di porti più importanti di Ibiza ed è uno dei luoghi più noti e apprezzati per il tramonto.

Uno dei locali più noti è il ristorante/lounge Cafe del Mar, una vera istituzione ad Ibiza. Prenotare è fondamentale per potersi assicurare la vista sul mare. Ordinate un bel mojito (il costo di tutti i cocktail è di 15 euro) e lasciatevi trasportare dalla meravigliosa playlist di Cafe del Mar, una fantastica selezione di musiche fatte apposta per accompagnare il sole che si nasconde dietro la linea dell’orizzonte.

Altro posto molto carino in cui godervi l’aperitivo al tramonto, spendendo anche un pochino in meno è il pub Fresh, con il suo ambiente informale e giovanile.

Ad Ibiza il sole tramonta piuttosto tardi, intorno alle 21:30 quindi potreste anche approfittare per cenare al tramonto. Oltre al Cafe del mare, potete cenare anche in un altro ristorante bellissimo La Torre, davvero scenografico,uno dei più belli della Isla…ma anche qui è obbligatoria la prenotazione.

Mentre la baia veniva invasa dalle pennellate di rosa, rosso viola e giallo, noi ci siamo goduti pizza e birra in una pizzeria italiana, pizzeria del Porto, un localino nuovo dove il torinese Paolo vi permette di mangiare una pizza cotta nel forno al legno, ad un prezzo tutto italiano. Qui abbiamo conosciuto Federica, anche lei torinese, un vero vulcano di energia e con la quale è nata subito una forte empatia e Jessica, un po’ meno loquace ma super simpatica.

sant antonio tramonto rosa-bohogirl

aperitivo al tramonto- baia sant antonio-tramonto rosaTantissimi sono i luoghi sulla baia o sul molo in cui godervi il tramonto ma ricordate anche che la puesta del sol di Ibiza non si nega a nessuno, per questo godetevi questo momento anche semplicemente seduti sugli scogli a sorseggiare la vostra Estrella Galicia.

Aperitivo al tramonto Es vedrà

aperitivo al tramonto-es vedra

è sicuramente uno dei luoghi più conosciuti di Ibiza:siamo nei pressi di Cala d’Hort e dopo aver aver attraversato in auto una pineta ci ritroviamo di fronte a questa splendida isoletta rocciosa e disabitata. Ma Es Vedrà, l’isola a forma di drago non è una semplice isola; si tratta  di uno dei campi magnetici più forti del mondo nonché un fortissimo campo energetico, ciò vuol dire che bussole e radar sembrano come “ disorientati” al suo cospetto. Di fronte a questo isolotto, ci si perde ad ammirare i colori della puesta del sol e ci si perde ad immaginare storie di ninfe e sirene che secondo la leggenda abitano questo luogo magico. il sole che affoga nel mare, il profumo della salsedine, della polvere e della vegetazione mediterranea, il silenzio.

aperitivo al tramonto-esvedra-mirando il mare

aperitivo al tramonto-esvedra-ragazzo

aperitivo al tramonto-esvedra-2Es vedrà è quasi un luogo mistico, il luogo in cui ritrovare il silenzio in quest’isola chiassosa e piena di vita. Perché vi abbiamo suggerito un aperitivo al tramonto qui? perché non ci sarà bisogno di nessun tavolino bianco, musica giusta e bicchieri di vetro. Vi basterà una birra ghiacciata o magari un mojito preparato al momento da una signora che ha fatto della sua borsa frigo un vero e proprio bar. Godete qui della vera essenza di Ibiza.

VUOI CONOSCERE LE SPIAGGE PIÚ
TRANQUILLE DI IBIZA?

Scopri la costa nord-est di Ibiza

 

10-cose-da-fare-cover
emporium Travel

10 cose da fare in Repubblica Dominicana

Ecco un elenco di 10 cose che dovete assolutamente fare in Repubblica Dominicana

  1. Mmsticare della canna da zucchero appena colta e tagliata da un dominicano per assaporare tutto il suo sapore dolce, che non dimenticherete mai.
  2. Anche se non siete esperti, in Repubblica Dominicana dovete assolutamente provare ad andare a cavallo in un grande campo verde ma ancor di più in riva al mare
  3. Assaggiate il rum dominicano, ma soprattutto sorseggiatelo da una noce di cocco magari sulla spiaggia di fronte al mare
  4. Guidate un buggy a tutta velocità ed esplorate l’ entroterra dell’ isola
  5. Per tutti, consigliamo di indossare la maschera e fare snorkeling tra le meraviglie del mare dei Caraibi
  6. Il vero dominicano, vi porterà su una lancia e correrete con lui tra le onde dell’oceano Atlantico
  7. Godetevi il caldo e il sole ma riparatevi sotto una palma e schicchiate un pisolino, sarà il migliore della vostra vita.
  8. Fate una visita speleologica, la Repubblica dominicana è ricca di grotte e cave nascoste che custodiscono storie e segreti
  9. Assaggiate le aragoste, godetevi questo lusso ad un piccolo prezzo
  10. Cercate le stelle marine e stupitevi della loro bellezza, ma ricordatevi di non tenerle troppo fuori dall’acqua, morirebbe e qualche dominicano potrebbe arrabbiarsi
cose-da-fare-in-repubblica-dominicana

repubblica-domenicana-04
Travel

Saona-l’isola che hai sempre sognato

La nostra seconda escursione è stata all’isla Saona, il cui nome sicuramente vi suonerà familiare per vari motivi.

Cominciamo a raccontare l’origine di questo nome; avrete notato sicuramente l’assonanza con  la città italiana di Savona, in Liguria. Fu l’esploratore genovese nostrano, Cristoforo Colombo, che scoprì l’isola e la battezzò Saona, come tributo ad uno dei suoi uomini e suo amico, originario della città ligure.

Ancora oggi quest’isola di 400 abitanti e poco più, è gemellata con la nostra Savona la quale ha donato il generatore di corrente, l’unico dell’ isola.

Avevamo letto tantissimo su Saona, recensioni, post su blog e racconti di viaggio. Sapevamo che era stata scenografia di film e spot pubblicitari, ma non pensavamo fosse veramente così bella.

Approdare a Saona vuol dire, essere catapultati su una di quelle isole da cartolina, quelle che non pensi possano esistere davvero.

Ad attenderci alla spiaggia Canto de la playa c’è un piccolo amico a quattro zampe ma non è il solo; granchietti e tafani ci pizzicano continuamente, ma in fondo sono loro i proprietari dell’ isola.

repubblica-domenicana-04
saona-repubblica-dominicana-40

Le palme di Saona sembrano differenti da quelle viste fino ad ora, probabilmente perchè molto fitte.Come isola è sicuramente più “addomesticata” della bella Catalina ma l’opera dell’uomo non è stata affatto invadente, anzi tutto si sposa perfettamente con la natura dell’ isola.

Non riesco a smettere di fissare i veli colorati, fissati alle palme, che ci riparano dal sole. Si muovono sinuosi quando il vento respira dolcemente e il sole fa risplendere i loro colori, è veramente un sogno.

Anche qui, lo snorkeling è molto soddisfacente, non ci si stanca mai di questo mare; il tempo di asciugarsi sulla sabbia bianca farinosa e poi di nuovo la maschera.

In quest’isola facciamo una scoperta meravigliosa: c’è un uomo che si prende cura delle uova di tartaruga e delle tartarughe neonate finchè non saranno pronte per il mare aperto.

L’uomo ci racconta che le tartarughe depongono le uova sempre nel posto in cui esse sono nate; Tuttavia le loro uova sono cibo prelibato per gli uccelli ma anche per gli uomini, infatti alcuni dominicani le mangiano, credendole afrodisiache.

saona-repubblica-domenicana-05

Queste tartarughine sono piccolissime e dolcissime, l’uomo ci insegna a prenderle di modo che non si stressino e ce le lascia fotografare, a patto di non stancarle.

Anche a Saova, siamo accompagnati da Popeye e Beppe che ci fanno scoprire un luogo veramente magico. Lungo le coste di Saona, si può assistere ad uno spettacolo della natura mozzafiato: atolli a pelo d’acqua e vere e proprie piscine naturali. In questi luoghi l’ acqua è calda a causa del sole cocente ma lì dove ancora riusciamo a toccare, ci rendiamo conto che non siamo soli. Qui, a farla da padrone, sono delle meravigliose stelle marine giganti.

saona-repubblica-domenicana

Quello che apprezzo di più è l’ amore e la gelosia dei dominicani per la loro terra; ci dicono di rimanere lì quanto vogliamo per fare il bagno, sorseggiare rum, ballare e fotografare le stella marine ma ci pregano di tenere le stelle sempre a pelo d’ acqua per evitare che muoiano al sole.

Non c’è niente da dire, da obiettare o commentare, si fa quello che ci chiedono. Posso solo apprezzare la preoccupazione di Beppe che nonostante si diverta ha sempre un’occhio vigile, per accertarsi che le sue stelle stiano bene.

Travel

Casa de Campo e Alto de Chavon- tra i Caraibi e Holliwood

L’escursione all’Isla Catalina di cui vi avevamo parlato nel post precedente, prevedeva a fine giornata una passeggiata piacevolissima a  Casa de Campo.

Casa de Campo è un luogo veramente esclusivo sula foce del fiume Chavon. Si tratta di una sorta di immensa proprietà privata ove è possibile ammirare gli yacht e le ville più belle di personaggi famosi come Shakira, Ricky Martin e qualche nome noto in Italia, come quello di Silvio Berlusconi.

casa-de campo-repubblica-domenicana-20
CASA-DE-CAMPO-repubblica-dominicana-28

Il viaggio da Catalina al fiume Chavon è piuttosto movimentato, le correnti sono forti, il mare agitato e le onde, dalla punta della lancia si sentono in maniera pazzesca. La barchetta salta sui cavalloni e mentre noi siamo tutti piuttosto impauriti, Popeye e Beppe se la ridono da veri lupi di mare.

Le acque si calmano immediatamente, appena entrati nel piccolo molo di Casa de Campo, piccolo ma non troppo, data le grandezza delle barche che ospita. La nostra è una passeggiata tra ville, palme, spiaggette private e prati all’inglese, piuttosto turistica e non particolarmente entusiasmante a dirla tutta.

La vera meraviglia comincia quando risaliamo il corso del fiume Chavon, tra altissime mangrovie e acqua verde e calma. Il fiume sembra quasi lo scenario di un film che ci sembra di aver già visto e in effetti lo è: scopriamo che si tratta del luogo in cui sono stati girati colossal quali Rambo2, Apocalypse Now e King Kong.

La vegetazione è rigogliosa e misteriosa, alzando lo sguardo ci osservano da su, grandi uccelli di ogni tipo, specie mai viste e dal volo meraviglioso.

La barca si ferma per permetterci di risalire sulla terraferma, al paesino di Alto de Chavon. In realtà ci viene avvertito che al paesino si arriva dopo aver risalito circa 100 scalini per cui alcuni dei nostri “compagni” decidono di rinunciare a questa seconda escursione.

Alto de Chavon sembra un piccolo borgo medioevale all’ italiana, ma le sue origini non sono poi così antiche.

Si tratta in realtà di un progetto del 1976; Charles Bluhdorn, allora presidente della Paramount che ebbe l’ idea di creare un paesino tra le montagne in stile medioevale ed è perfettamente riuscito, dato che non conoscendone la storia tutti penseremmo a qualcosa di veramente datato.

CASA-DE-CAMPO-repubblica-dominicana-25
CASA-de-campo
casa-de-campo-repubblica-

Il paesino in cui camminiamo quindi non è altro che una enorme “scenografia”,  perfettamente in linea con tutta Casa de Campo, in cui si perde la natura selvaggia dell’ isola, per accontentare i turisti facoltosi, ricreando per essi quasi un mondo a parte, dove la sola cosa vera è l’indubbia bellezza del fiume Chavon.

Oltre a locali, boutique e pittoreschi ristorantini, il paesino ospita anche il museo Tainos, ovvero il luogo in cui sono conservati i resti e le testimonianze degli indigeni dominicani, i Tainos appunto.

Altro luogo suggestivo, anch’esso completamente “finto” è il grande anfiteatro che a Santo Domingo ospita e ha ospitato i concerti degli artisti più importanti come l’immenso Carlos Santana, Julio Iglesias e Frank Sinatra.

casa-de-camporepubblica-domenicana-13

L’anfiteatro di Alto de Chavon è in stile Romano con circa 5000 posti a sedere e da lontano si scorgono resti di colonne, anche quelle ovviamente, molto poco antiche.

Molto importante è la scuola d’ arte situata nel paesino affiliata con la Parson school of design di New York e la Iglesia San Estanislao de Cracovia, ovvero la chiesa di San Stanislao di Cracovia, tributo a Papa Giovanni Paolo II. Questa chiesa ha ospitato e ospita molti matrimoni, anche di personaggi celebri.

CASA-DE-CAMPO-repubblica-dominicana-26
CASA-DE-CAMPO-repubblica-dominicana-27

repubblica-dominicana-32
Travel

Repubblica Dominicana- Viaggio nella grande isola dei Caraibi

repubblica-dominicana-32

Repubblica Dominicana

Dolce

Credo che nei giorni in cui siamo stati in Repubblica Dominicana abbiamo scoperto cos’é la felicità; credo che la felicità sia il momento in cui senti un forte entusiasmo per la vita, quando i tuoi occhi si riempiono di bellezza e l’animo dimentica ogni tipo di problema. Queste sensazioni del momento, le riesci a rivivere ogni istante in cui le ricordi, lo stesso entusiasmo, lo stesso senso di pace; si, credo sia questa la felicità e io in quel momento sono stata veramente felice.

Non nego di essere una persona ansiosa, mi preoccupo sempre di tante, troppe cose e questo viaggio mi preoccupava per tanti motivi: le ore di viaggio, il periodo degli uragani, la fama della Repubblica Dominicana. Ma quando ti svegli al mattino e un mare cristallino ti luccica davanti agli occhi ti rendi conto di quanto è stupido preoccuparsi e di quanto poco basti per dimenticare tutto.

repubblica-domenicana-15

Quando siamo scesi dal grande Boeing Blu Panorama all’aeroporto de La Romanala prima cosa che ci ha colpito è stata l’afa, un “muro” di aria caldissima che nel nostro Agosto italiano non immaginiamo neanche. Poi il piccolissimo aeroporto de La Romana, così piccolo che l’ aereo sembrava quasi più grande della struttura stessa, eppure molto efficiente, tanti controlli e valige velocissime da ritirare.

Arrivare di sera, non ti fa rendere subito conto della bellezza che è racchiusa in questa grande isola però puoi intuirlo; la prima cosa da cui siamo tentati è avvicinarci al mare, la sabbia è farinosa è umida, ma il colore non riusciamo a vederlo. Il mare è calmo e silenzioso, brilla illuminato dalla luna coperta di tanto in tanto da qualche nuvola. Le palme sono alte ma non sembrano in quel momento così diverse da quelle piantate nelle nostre grandi città.

L’indomani mattina tutto cambia. Il sole è caldissimo, ci saranno quasi 40 gradi, nonostante in Repubblica Dominicana non sia estate, in lontananza si vede il mare; il colore è impresso nella mia mente, ma davvero non saprei dare un nome ad esso.. forse azzurro caraibico? non so neanche se esiste, ma non ho mai visto un mare così e un paesaggio che mi sembra quasi un sogno, lo sembrerà per tutto il viaggio anche quando il cielo sarà coperto e grigio

resort-repubblica-domenicana-23
resort-repubblica-dominicana-42

Ogni colore qui sembra più nitido, dal verde della vegetazione ai colori della frutta che, tra l’altro, ha un sapore del tutto diverso dalla nostra: adoro il mango, la papaya, il frutto della passione e il melone, tutti diventano i miei alleati preziosi per la colazione.

repubblica-dominicana-38
resort-repubblica-dominicana-45

Noi ci troviamo poco distanti dal villaggio di Bayahibe, un villaggio di pescatori, dove c’è sempre tanta musica, nelle strade, sulle barche, nei taxy e nella piazzetta. Non vi stupite se sentite, di tanto in tanto, qualche anziano che canticchia o qualche ragazzo che accenna passi di balli caraibici.

Il porticciolo è pieno di barchette, soprattutto lance che vengono utilizzate per portare i turisti a fare escursioni nelle isole vicine.

 

Tra le palme e le casette, gli scorci sul mare e sul porto sono meravigliosi, sembrano quasi dipinti.

repubblica-dominicana-44

Forse all’inizio siamo impauriti, sembra che tutti ci guardino, ci scorazzano di fianco con moto e motorini, cercano scuse per farci pagare 7 dollari un pacchetto di Marlboro e ci fanno tante domande, anzi ci sommergono di domande tanto da intimorirci un po’.

Nei giorni che abbiamo trascorso però è diventato tutto chiaro: i dominicani sono molto diffidenti, soprattutto con gli italiani che non sempre si comportano da amici ma più che altro da colonizzatori. In verità la maggior parte di quelli che abbiamo conosciuto sono simpaticissimi, hanno tante cose da raccontare ( a volte troppe), ridono in maniera cosi coinvolgente che non puoi fare a meno di farlo anche tu; si c’è anche qualche domenicano che prova  raggirarti, quello che prova ad intimorirti e quello che ha la giornata storta un po’ troppo spesso…ma perchè la gente dall’altro lato del mondo dovrebbe essere così diversa dagli abitanti del vicinato? del resto tutto il mondo è paese.

Abbiamo scelto un aggettivo molto particolare, per questo nostro viaggio in Repubblica Dominicana: Dolce. Ci abbiamo pensato a lungo ma alla fine la nostra scelta è ricaduta su questo;

 

Dolce è l’ acqua del mar dei Caraibi, mai troppo salata, mai troppo fredda o troppo calda, mai troppo agitata.

 

Dolce è la voce dei cantanti della bachata o della salsa che riecheggiano ovunque.

Dolce è la luce al tramonto.

Dolce è il sapore della frutta, della canna da zucchero, del cacao e del caffè che si producono in Repubblica Dominicana.

Dolce è il sorriso di bambini dei villaggi che ti accolgono e ti prendono per mano.

Dolce. Nessun’altro aggettivo avrebbe  potuto descriverla meglio.

repubblica-domenicana-24
repubblica-domenicana-22

10-cose-da-fare-cover
Lifestyle Travel

Dieci cose da fare a Creta-spiagge, cibo e cultura

In queste settimane via abbiamo parlato del nostro viaggio a Creta, quindi abbiamo deciso di regalarvi un’infografica e una lista di dieci cose da fare assolutamente a Creta , per godervi questa esperienza al meglio: luoghi, cibi, attività, tutte cose semplici ma che porterete sempre con voi quando ripenserete a Creta

Vivete

la Capitale Hiraklion sia di giorno che di sera. Visitate ogni angolo di questa città per scoprire la parte più frenetica della vita dei Cretesi, mangiate nei ristorantini di pesce, camminate per le vie e fate shopping. Fate colazioni abbondanti dei bar delle pittoresche viuzze che troverete se vi addentrate nella parte più antica. La sera godetevi passeggiate nei negozi di souvenirs e scovate i lounge bar e le discoteche più trendy della movida cretese.

Guidate

fino alla spiaggia rosa di Elafonisi. Scattate le foto più belle sulla sabbia rosa e tuffatevi con gli occhi aperti nel mare cristallino di questa spiaggia. Mi raccomando non cedete alla tentazione di portare con voi della sabbia rosa, come è giusto che sia i Cretesi sono molto gelosi di questa spiaggia, formatasi con il tempo e non dimenticate che, ad esempio in Italia è proibito e comunque sia sarebbe una forte mancanza di rispetto, la natura non ci appartiene.

Bevete

un bicchierino almeno di Raki, dopo il pasto o la sera ma mi raccomando non esagerate perchè ha una gradazione alcolica altissima.

Esplorate

Balos, li dove le correnti si incontrano e una lingua di Sabbia bianca le separa. Il viaggio per arrivare in questo luogo sarà piuttosto complicato sia per terra che per mare ma veramente…stupitevi davanti alla natura selvaggia e impetuosa.

Visitate

il palazzo di Cnosso e stupitevi di fronte all’immortalità della storia. La cultura Cretese è stata fondamentale per lo sviluppo della civiltà: conoscitori del mare, esperti dell’ agricoltura, estimatori di mosaici e pittura raffinata, precursori della moda, i Cretesi furono di esempio per molte civiltà del passato e intorno al Palazzo di Cnosso, si tessero miti e leggende.

Indossate

la maschera e tuffatevi senza paura alla scoperta del mare cretese. Pesci colorati e coralli che il mare Mediterraneo custodisce gelosamente vi aspettano; non perdetevi per niente al mondo questo aspetto dell’isola.

Rilassatevi

senza alcun rimorso o senso di colpa ad Agia pelagia. Ecco una delle dieci cose da fare che piacerò a molti; Bevete un mojito guardando il mare color smeraldo, abbandonatevi alla brezza che caratterizza questa baia e lasciate che il sole possa dorare la vostra pelle (con la protezione solare ovviamente!) Osservate l’ alba e il tramonto, affittate una moto d’ acqua o mangiate una bella insalata greca in uno dei ristorantini a picco sul mare..insomma rilassatevi!

Divertitevi

nella vita sfrenata e trasgressiva di Hersonisson. Anche se non siete amanti della confusione e delle discoteche, trascorrete almeno una notte tra musica, luci, suoni e qualche schiamazzo di chi forse ha bevuto un goccio di troppo. La movida cretese, contrariamente a come si crede, non ha nulla da invidiare a quelle di città più famose per la vita notturna.

Mangiate

uno yogurt greco e anche più di uno se potete. Potete rinunciare alla feta, all’insalata greca e alla moussaka( anche se non sapete cosa vi perdete) ma no, lo yogurt greco dovete assolutamente provarlo, magari con un condimento diverso ogni giorno.

Passeggiate

a Retimo e trascorrete almeno una giornata in questa città dalla mattina alla sera.Scoprite e visitate quanto più potete e rimanetevi fino a tardi, vi stupirete delle meraviglie nascoste e dall’armonia che regna nelle strade. Scegleite questa città anche per comprare cartoline, souvenirs e altre cose carine che porterete con voi al ritorno.

prenotare-cover

creta-valigia-cover
Lifestyle

La valigia per Creta- alcuni consigli per prepararla al meglio

Ora potete riempire la vostra valigia di abiti e bikini colorati perchè l’ essenziale è stato inserito. Ad ogni modo c’è una buona notizia: semmai dovesse dimenticare qualcosa, Creta è un’isola veramente molto economica quindi potrete acquistare quello di cui avete bisogno senza spendere una fortuna. Lo stesso vale anche per il cibo, in particolare lo street food, i locali della movida, i souvenirs e i farmaci. Non vi resta che partire.

creta-agiaPelagia-tramonto
Travel

Creta-parte 2-Viaggio nella culla della civiltà

Se festeggerete il vostro Ferragosto sull’isola

e  volete “vivere qualcosa di tipico” o meglio vivere come glia bitanti dei luoghi che visitate (come facciamo noi), non potete perdere assolutamente la festa a Damasta un paesino arroccato su una montagna, nella cui piazzetta della chiesa vengono allestiti tantissimi tavoli, c’è un menu fisso e per pochi euro mangerete carne grigliata e buon vino.

La festa a Damasta, è un salto nelle tradizioni; abbandonate il vostro smartphone e la vostra fotocamera e godetevi il momento. Ascoltate la lingua greca, inebriatevi con il profumo del buon vino cretese e se vi viene voglia ballate al ritmo della musica tipica ma se non sapete ballare allora alzatevi e guardate come ragazzi, ragazze, uomini e donne ballano in cerchio una danza cretese e poi..aspettate i fuochi.

creta-damasta
creta-damasta2
Essere a Creta

e viverla come abbiamo scelto di viverla noi, vuol dire anche scoprire ed amare le sue radici più profonde e quelle di Creta sono piuttosto conosciute. Da sempre,nei libri di storia, c’è un capitolo dedicato solo al popolo cretese, popolo di navigatori e commercianti, noto per la raffinatezza e l’eleganza che si manifestava soprattutto nell’arte. Simbolo del potere e dello sfarzo cretese era il Palazzo di Cnosso, noto anche e soprattutto per il mito di Teseo e il Minotauro. Ancora oggi il palazzo di Cnosso, residenza di uno tra i più grandi re della storia, Minosse, mostra lo splendore che neanche il tempo e le calamità naturali hanno potuto intaccare.

creta-cnosso
creta-cnosso-5
creta-cnosso-4
creta-cnosso-3
La parte più complicata di un viaggio è sempre il ritorno alla “realtà”

ma c’è un modo per alleggerire tutto e cioè portare con sè qualcosa che ricordi fortemente quel luogo, che sia un odore, un sapore o un colore che più ci ha accompagnato in questo viaggio. Passeggiare per le vie di Retimo, affollate e colorate ci ha aiutato molto. lì abbiamo scelto anche qualcosa di significativo che racchiudesse l’essenza di questo viaggio, anche per le persone a noi più care, affinchè potessero “conoscere” anch’esse quest’isola e pur non avendola mai vista, conservarne un pezzetto nelle proprie case.

Retimo ha un fascino che non conosce le convenzioni temporali, bella sia di giorno che di notte, conserva  in sè la storia di popoli che si sono succeduti nel tempo e hanno lasciato il proprio segno: dalla loggia venziana ala fontana Raimondi.

creta-retimo

Come al solito, il viaggio mi insegna qualcosa e stavolta ho avuto una grande lezione che dovrò sempre tenere a mente: mai lasciarsi condizionare da infondati pregiudizi; Se un luogo non è definito “trendy”, se non è nei most popular di Instgram, se non è in cima alla wishlist delle vacanze dei più, questo non vuol dire che non abbia qualcosa da regalarti. Creta mi ha regalato una stupenda tavolozza di colori, un bouquet di profumi, il sapore delle spezie e dello Yogurt, rocce calde, mare profondo e vento fresco e …si me ne vado con quel velo di malinconia che solo un gran bel viaggio ti lascia dentro. Creta mi ha regalato giorni indimenticabili, mi ha regalato musica, balli, rakì, sabbia bianca e tramonti rossi sul mare e tra le montagne. Creta regalerà sempre qualcosa, perchè Creta è cosi…ricca.

creta-damasta

creta-3
Travel

Creta-il viaggio nella culla della civiltà-prima parte

creta-2

Creta

Ricca

Lo ammetto, quella è stata una delle poche volte in cui non sono partita con grande entusiasmo, non conoscevo Creta, non ne sapevo niente; poco pubblicizzata, non troppo in voga tra i miei coetanei, un po’ dimenticata dagli altri travel blogger; eppure così grande, così presente nei nostri libri di storia, una delle culle della civiltà europea. Perchè avevo storto il naso? ancora non lo so ma fatto sta che mi sono ricreduta, ho dovuto…

creta-3

Creta così grande, così variegata. Nell’ aria il profumo delle spezie medio-orientali, la musica che sembra provenire da lontano, nello spazio e nel tempo.Grandi distese di rocce, vigneti, pascoli e poi mare; mare cosi azzurro, così trasparente, freddo, vivo. Tante piccole insenature in cui non senti il caldo della vicina Turchia, il vento ti coccola, ti rinfresca e ti lascia riposare al sole.

creta-4
Agia Pelagia è una baia pittoresca

a  sud-ovest da Heraklion, la capitale di Creta. Così piccola e caratteristica ospita tante famiglie e anche tanti giovani sotto gli ombrelloni in paglia di piccolissimi stabilimenti balneari. Il mare è una piscina naturale, la riva è nettamente separata dallo strapiombo grazie ad una fascia di rocce.  Lì dove il mare diventa più profondo, più blu e più freddo non si può non indossare la maschera per scoprire i veri padroni delle acque di Creta: coloratissimi pesci di tutte le specie, nuotano incuriositi intorno al tuo corpo..uno spettacolo a pochi metri dalla sabbia bianca.

Tutta la spiaggia è costeggiata da ristorantini, di cui il nostro preferito è il coloratissimo “The Home” :noi ci andiamo tutte le mattine, per la vista, per l’ ambiente accogliente e per la colazione a base di yogurt greco condito con muesli, frutta secca e miele ma spesso ci andiamo anche a pranzo o a cena, ci sentiamo veramente a …casa.

creta-agiaPelagia-alba
dieci-cose-da-fare-a creta
creta-agiaPelagia
Heraklion

la capitale, mantiene tutta la sua autenticità in ogni via, sia la mattina che la sera. Il piccolo porto è accogliente e tutti i locali, dal ristorante alla discoteca, conservano sempre un po’ di tradizione greca. I ristorantini servono pesce fresco accompagnato da Ouzo, le strade, a misura di turista, sono delicatamente illuminate e perfette per lunghe passeggiate tranquille anche se si respira sempre aria di festa. Gli edifici storici sono veramente imponenti e maestosi, conservano tutto lo splendore che da sempre caratterizza la Grecia, in ogni epoca, in ogni secolo,dagli albori della civiltà.

Il posto ideale per fare festa, alla maniera cretese è spostarsi ad Hersonissos, quotatissima per la vita notturna e la trasgressione, qui si concentra la gioventù dell’ isola unita a quella proveniente del resto del mondo.

creta-capitale
creta-capitale-2
creta-capitale-3
creta-capitale-4
Una delle spiagge più belle dell’ isola

è sicuramente Elafonissi Beach ed è anche conosciuta come la spiaggia rosa.  L’unica bellezza universale è quella della della natura e questa spiaggia è una delle dimostrazioni di quanto ciò sia vero. Kilometri di coralli che con il tempo si sono letteralmente sbriciolati lasciando una sorta di sabbia rosata continuamente accarezzata da acque trasparenti.

La strada che conduce da Agia Pelagia  a Elafonissi è lunga e oserei dire impervia; non dimenticheremo mai i kilometri di montagna che abbiamo attraversato,le curve a gomito e le salite con il sole di faccia, ma non dimenticheremo mai neanche ogni paesaggio di cui abbiamo potuto godere. Su queste montagne anche la gente sembra diversa, sembra rimasta intrappolata in un tempo di gentilezza, ospitalità e buone maniere che oggi è quasi impossibile trovare. Per questo, non rifiutate l’invito a pranzo di una signora che ha un piccolo locale di prodotti tipici e non meravigliatevi se al ritorno vi aspetterà per bere insieme il fortissimo liquore tipico cretese, Rakì .

creta-elafonissi
creta-elafonissi-2
creta-elafonissi-3
creta-elafonissi-4

amalfi-04
Travel

Amalfi coast-to-coast. On the road sulla costiera amalfitana

amalfi-07

Amalfi

Profumata

amalfi-05
amalfi-10
amalfi-04
amalfi-06
amalfi-02
amalfi-14
amalfi-15
amalfi-13
amalfi-08
amalfi-12
amalfi-03