Category / emporium

street food cover
emporium Kitchen

street food napoletano-ecco cosa devi assolutamente mangiare

Niente ricette healthy, niente di salutare o naturale, oggi vi parliamo di street food, quello napoletano e… no non vi faremo un elenco dei posti più cool o modaioli della città , piuttosto vi parleremo di cibi della tradizione da mangiare esclusivamente per strada e i luoghi storici dove assaggiare la ricetta “original”.

Nello street food napoletano, un classico è sicuramente la pizza a portafoglio, Margherita o marinara; per chi non lo sapesse è la versione mini-size della pizza, piegata in quattro. Il re della pizza a portafoglio a Napoli è sicuramente la storica Friggitoria Fiorenzano nella Pignasecca.

pizza street food

Lo street food più originale è invece la trippa; assolutamente non-light, assolutamente poco sano ma assolutamente da mangiare… con una bella abbondante spruzzata di limone.

street food trippa

Un’altro evergreen dello street food Made in Naples è la “fritturina” che da noi comprende, in primis, zeppole, panzarotti (i nostri crocchè di patate) e frittatine.

I nostri panzarotti preferiti sono quelli della Friggipizza in via Leopardi, a Fuorigrotta, non sono proprio i classici ma a Napoli sono famosissimi.

street food street food

Pausa, fermiamoci a bere! Se avete sete non perdetevi la famosa acquaiola a due passi da Piazza del Plebiscito; granite e spremute sono buonisime e poi la signora è di una simpatia disarmante.

street food acquaiolo

Passeggiata a Mergellina! Che fai, qualcosina qua non te la mangi? Goditi la vista del mare, degli scogli e di Castel dell’Ovo gustando una birra ghiacciata con taralli “‘nzogna e pepe” ( strutto e pepe piccantissimo).

Taralli-napoletani street food

A Napoli puoi mangiare la pizza ovunque e a qualunque ora, ma se parliamo di street food allora non possiamo non suggerirvi la famosa pizza fritta e quella più famosa è sicuramente quella della Masardona.

street food fritta

E per concludere questa carrellata di leccornie super-caloriche un classico: le noccioline dolci. Le classiche noccioline ( da noi, “nocelline americane“) ricoperte di zucchero, da gustare rigorosamente calde, in qualunque momento in cui quel profumo dolce vi inebria.

street food noccioline

PINTEREST-MYKONOS-GUIDA
emporium Travel

Guida pratica a Mykonos-cibo, viaggi e trasporto

Muoversi

A Mykonos la cilindrata massima dei motorini da noleggiare 125. Il prezzo per circa 4 giorni è di 80 euro ma ci sono multe salatissime in caso di smarrimento casco o chiave e anche se i passeggeri sono più di due ( come è giusto che sia). Se noleggiate un motorino di cilindrata inferiore a 125 sarà piuttosto difficile destreggiarvi sulle ripidissime salite di zone come quelle in cui sono situate Paradise beach e Super Paradise beach.La benzina si aggira intorno ad 1 euro e 70 centesimi al litro. I parcheggi delle spiagge a Settembre sono praticamente deserti, impossibile è trovare un posto ad Agosto. Sempre super affollata è la zona dei Mulini. I parcheggi a pagamento sono piuttosto cari soprattutto per le auto e la sera c’è sempre tantissimo traffico in direzione Mykonos Town. Il trasporto da e per l’aeroporto in taxi costa circa 25 euro. Il battello che conduce dal porto nuovo a quello vecchio e viceversa costa due euro.

Mangiare

I ristoranti a Mykonos sono piuttosto costosi, vanno soprattutto quelli italiani in cui un piatto di pasta arriva anche 25 euro. Potete mangiare di carne e di pesce ma difficilmente troverete delle piterie o take away economici. Nota positiva, i ristoranti accolgono clienti anche alle due di notte, instancabilmente e gentilmente. Anche qui l’espresso è piuttosto costoso, nella zona del porto vecchio costa circa tre euro. Se avete un’appartamento e quindi avete la possibilità di cucinare, potete fare la spesa ma evitate i market turistici. Il supermercato che vi consigliamo é Superflora che é immenso e ben fornito. Tuttavia affettati e tonno sono costosissimi, parliamo di una confezione da due scatolette che parte dai 4 euro per arrivare anche a 12. I drink partono da un base di circa 10 euro, meno costosi sono gli short e questo vale sia nelle discoteche che nei bar. Al Club Tropicana pagherete una bottiglia di vino bianco locale circa 10 euro mentre lo champagne può raggiungere la cifra di 300 euro.

Le spiagge

A Mykonos non esiste spiaggia che non sia attrezzata. Gli stabilimenti generalmente offrono lettini piuttosto grandi, tipo letti singoli per intenderci e ombrelloni e la cifra si aggira intorno ai 20 euro.Le spiagge possono essere rocciose o di sabbia ma il mare é sempre cristallino.

 Altro

L’isola é sempre molto ventilata quindi non dimenticate di portare eventuali medicine per raffreddori e mal di gola oltre che giacche per la sera o per lo scooter. Mykonos é la capitale della movida nell’Egeo, quindi preparatevi a feste in spiaggia, spesso molto trasgressive e confusione tra le vie di Mykonos town. Le feste più note si svolgono in spiaggia al Tropicana e allo Scorpios bellissimo stabilimento bohemien. La sera il luogo più famoso per far festa é Cavo Paradiso. Per i tifosi italiani, segnaliamo la ROSTICCERIA, un ristorante che trasmette le partite del campionato italiano. Non cercate speranzosi il famoso pellicano perchè difficilmente lo troverete. Non preoccupatevi della lingua, la maggior parte delle persone parla un po’ di italiano e molti sono gli italiani che vi lavorano o hanno una propria attività. Se nel caso avesse paura dei gatti, bhè mi duole informarvi che l’aeroporto di Mykonos ne é pieno e vi passeggiano indisturbatamente anche nei gate.

PINTEREST-MYKONOS-GUIDA

guida.naxos
emporium Travel

Guida Pratica a Naxos- muoversi, mangiare e spendere

Anche per Naxos, abbiamo pensato ad una mini guida con le informazioni più utili per organizzare al meglio il vostro viaggio. Come sempre, vi abbiamo preparato una panoramica dei costi per spostarvi, cosa mangiare e dove, le spiagge e altre informazioni raccolte durante la nostra esperienza personale.

 

 

Muoversi

A Naxos troverete tantissimi luoghi per noleggiare scooter e quad di qualsiasi cilindrata ma anche automobili, perché non dimenticate che Naxos è la maggiore delle Cicladi quindi potreste averne bisogno per spostarvi più agevolmente o se siete una famiglia. La benzina anche qui costa in media 1,70 euro al litro. Dal porto di Naxos partono moltissime compagnie di navi
che viaggiano da e per altre isole di cui Mykonos e Santorini.

Mangiare

Avrete l’imbarazzo della scelta dal centro, alle cittadine e ovviamente al porto. I prezzi a Naxos sono molto abbordabili, qui ritrovare un po’ di quella Grecia tanto economica che spesso ricordiamo. Molti sono i ristoranti del posto che propongono l’offerta del giorno, menu turistici e anche specialità greche. Il liquore tipico è il kitron e ovviamente vi consigliamo di assaggiare le patate ( cucinate in qualsiasi modo) che sono una produzione locale famosa e apprezzata in tutta la Grecia. Molti ristoranti cucinano italiano ma, attenzione, non credete di mangiare una vera carbonara perché, udite udite, a Naxos molti la preparano senza uova ( strano ma vero). Anche qui vi consigliamo di lasciar perdere le colazioni turistiche che costano troppo e ripiegare sulla miriade di bakery che preparano paste veramente buone e grandi. Non perdete l’aperitivo al tramonto di fronte Portara e se potete andate a salutare Sabrina al ristorante kalí kardià.

Le spiagge

A Naxos le spiagge sono per lo più di sabbia fine è avere tantissima scelta. Potete scegliere spiagge libere o attrezzate, baie tranquille dal fondale basso e quelle con il fondale roccioso per fare snorkeling.

Altro

Se avete del tempo a disposizione approfittatene per visitare i vari siti archeologici che sono per la maggior parte gratuiti. Ma portate con voi una guida o comunque  raccogliete informazioni da voi perché molti di questi pezzi di storia sono abbandonati a se stessi. Naxos è grande e si fanno kilometri di strade in curva per arrivare in vari luoghi interessanti, portate con voi una borsa frigo con dell’acqua per sopravvivere ai 31 gradi alle 10 del mattino. Naxos è il luogo ideale per i souvenirs; prezzi di fasce diverse, oggettistica varia e per ogni fascia d’età. Anche qui, scordatevi l’espresso ma godetevi gelati con coni handmade e waffle.

guida.naxos

10-cose-da-fare-cover
emporium Travel

10 cose da fare in Repubblica Dominicana

Ecco un elenco di 10 cose che dovete assolutamente fare in Repubblica Dominicana

  1. Mmsticare della canna da zucchero appena colta e tagliata da un dominicano per assaporare tutto il suo sapore dolce, che non dimenticherete mai.
  2. Anche se non siete esperti, in Repubblica Dominicana dovete assolutamente provare ad andare a cavallo in un grande campo verde ma ancor di più in riva al mare
  3. Assaggiate il rum dominicano, ma soprattutto sorseggiatelo da una noce di cocco magari sulla spiaggia di fronte al mare
  4. Guidate un buggy a tutta velocità ed esplorate l’ entroterra dell’ isola
  5. Per tutti, consigliamo di indossare la maschera e fare snorkeling tra le meraviglie del mare dei Caraibi
  6. Il vero dominicano, vi porterà su una lancia e correrete con lui tra le onde dell’oceano Atlantico
  7. Godetevi il caldo e il sole ma riparatevi sotto una palma e schicchiate un pisolino, sarà il migliore della vostra vita.
  8. Fate una visita speleologica, la Repubblica dominicana è ricca di grotte e cave nascoste che custodiscono storie e segreti
  9. Assaggiate le aragoste, godetevi questo lusso ad un piccolo prezzo
  10. Cercate le stelle marine e stupitevi della loro bellezza, ma ricordatevi di non tenerle troppo fuori dall’acqua, morirebbe e qualche dominicano potrebbe arrabbiarsi
cose-da-fare-in-repubblica-dominicana

Chris-Christopher-McCandless
emporium

Chris McCandless- Ricordando Alexander SuperTramp

Chi era Chris o Alexander SuperTramp?

 

Per un blog improntato sul viaggio e ai meravigliosi angoli di paradiso di cui ne è pieno il mondo, a 25 anni dalla sua morte, non potevamo non ricordare chi, del mondo ne ha fatto la sua casa: Christopher McCandless.Originario della California, Chris, proviene da una famiglia benestante, ma ahimè, come spesso succede in questi casi, quella vita così perfetta e quel futuro già programmato gli stavano troppo stretti.

Sceglie così di lasciarsi alle spalle l’agiatezza in cui è sempre vissuto per inseguire il suo sogno (comune forse un po’ a tutti ma che pochi di noi hanno poi lo spirito di perseguire) : girare il mondo!

Inizia la sua avventura, che lo vede per due anni girovago, incontrando nuove culture, scoprendo nuove realtà, visitando posti che fino ad allora avevo soltanto immaginato… chissà, forse di notte,nel buio della sua camera quando questa “folle” idea iniziava a farsi spazio nella sua mente!

Chris parte con un obiettivo ben preciso: girare il west degli United States per giungere nelle terre della lontana Alaska, dove finì i suoi giorni in un autobus, il “Magic Bus” (come lui stesso lo chiamava), dopo aver ingerito probabilmente qualche bacca non commestibile, per fame o freddo… le ipotesi sono molteplici, chi può dirlo com’è andata davvero???

Per le sue scelte viene ancora oggi criticato da molti e sostenuto da altri, di certo lui non ha avuto rimpianti né rimorsi, come testimonia la frase rinvenuta all’interno del “Magic Bus”: « Ho avuto una vita felice e ringrazio il Signore. Addio e che Dio vi benedica! »

Di ragazzi come Christopher, o Alexander Supertramp, nome che aveva scelto per quest’avventura, ne è pieno il mondo, e chissà che un giorno girando per i corridoi dell’università tra un a lezione e l’altra o comodamente seduti al tavolino di un bar non ci capiti di imbatterci nel “nuovo” Christopher McCandless. Aspettando con ansia di conoscere la sua identità, non possiamo che fargli un grosso in bocca al lupo e augurargli miglior sorte… ovunque e chiunque tu sia!

Felicità è vera soltanto se condivisa. 

Vi consigliamo assolutamente di guardare un bellissimo film che ripercorre la sua storia, intitolato: Into the Wild, di Sean Penn. 

calendario Aprile
emporium

Primavera in Aprile – Calendario BOHO-aprile 2017 Le giornate più lunghe, il sole sempre più caldo, il profumo dei fiori che tornano a colorare ogni paesaggio.

Aprile…

Finalmente è arrivata la Primavera. Le giornate più lunghe, il sole sempre più caldo, il profumo dei fiori che tornano a colorare ogni paesaggio.

Quando il sole tramonta più tardi e il giorno trascorre così lentamente io mi sento più vivo; sento che posso fare di più, che posso moltiplicare le mie energie e concentrarle su molte più cose. Sento crescere la mia creatività e trovo ispirazione in una natura sempre più verde e più rigogliosa.

Aprile bussa già alla porta, portando con sé la Santa Pasqua, i pollini, un accenno del profumo di gelsomini e della brezza marina; cosa può esserci di più bello di questa semplicità? Credo niente, per questo mi godrò ogni singolo giorno ed ogni volta che segnerò con una “X” il giorno appena trascorso lo farò con la consapevolezza che domani sarà ancora migliore

otto marzo-festa della donna
emporium

otto Marzo- festa della donna oggi, ma domani? celebrating woman

Otto Marzo

otto marzo e  domani?

Inviano note audio su whatsapp già alle sette del mattino, entrano da Zara nel periodo dei saldi per fiondarsi sulla nuova collezione, ma quando comprano fanno sempre  “un affare”,  comprano tacchi alti per la prima volta ad Ibiza e indosseranno solo sandali ultra piatti già dalla seconda sera. Fanno la spesa sana o la fanno solo se decidono di mettersi a dieta, sono accumulatrici seriali di cianfrusaglie per la casa, si lamentano tutte per l’omosessualità di Ricky Martin e tutte conoscono almeno una canzone di Laura Pausini… qualcuna va nello spazio, qualcuna vince le olimpiadi con il fioretto, qualcuna stava addirittura per diventare presidente degli Stati Uniti, qualcuna ha vinto un Nobel per la medicina. Eppure se,malauguratamente, qualcuna ti sorpassa con l’ auto la chiami “puttana”,se ci sta la prima sera, stessa cosa e se non ci sta..non cambia niente. Se qualcuna lascia il fidanzato, è giusto rovesciarle dell’acido e sfigurarla per sempre, se aspetta un bambino è giusto licenziarla ma è ancora più giusto farlo se ci provi con lei perché sei il capo e lei non adempie ad ogni tipo di  “mansione”. Discorsi vecchi? Superati? Allora facciamo così: è giusto solo circoncidere le bambine perchè so’tradizioni, lapidare le donne perchè so’tradizioni, venderle in sposa perchè so’tradizioni…e le tradizioni vanno rispettate dall’Oriente all’Occidente… e queste donne di oggi poi, così disinvolte, che guidano, fumano, studiano, guadagnano;quelle orientali che vogliono fare troppo le occidentali e le occidentali che si vogliono mettere il velo in testa…insomma avete ragione uomini, non c’è proprio più religione! Mi dispiace solo una cosa, che quelli come voi ,che la pensano come voi, ancora li generiamo noi e soprattutto non ho ancora capito…ma com’è possibile che prendete sempre da papà?

otto marzo-festa della donna

Troppe volte abbiamo sentito dire che ” l’otto marzo è tutti i giorni” e che “la donna si festeggia sempre” ,ma già domani sentiremo di nuovi femminicidi, di donne costrette a vivere un incubo ogni volta che varcano la soglia di casa,di donne licenziate, molestate o additate per le scelte che alle società non piacciono.

La verità è che i luoghi comuni non crollano e le convinzioni del mondo in cui viviamo sono e saranno sempre le stesse, anche i più “moderni” in realtà quando si tratta di certi argomenti, tanto moderni poi non sono e che l’otto marzo è solo un giorno che profuma di mimose e cioccolatini..per cui donne come al solito non ci resta che fare quello che siamo ormai abituate a fare, combattere, avere il coraggio di cambiare le cose, farci strada a gomitate  e imparare ad essere ancor di più solidali tra di noi, per migliorare un mondo che non può fare a meno di noi ma che allo stesso tempo..ancora non ci vuole.

cover image:

PEXELS

Collage image:

via Google

 

marzo-01
emporium Novità

Marzo-aspettando la primavera con il Calendario Boho-scarica gratis March-waiting for spring with boho Calendar-free Download

Marzo…

Non ci credo, eppure siamo già a Marzo. Sembra ieri che pensavo ad alcune situazioni che avrei dovuto affrontare e che mi sembravano impossibili;per mesi mi sono chiesta se ce l’avessi fatta, fossi stata all’ altezza o comunque forte abbastanza da reggere tutto. La verità è che non lo so se sono stata forte ma sicuramente sono in piedi e ce l’ho fatta e adesso eccomi qui di nuovo, pronta per l’ ennesima volta a ricominciare, aprire un nuovo capitolo, riavvolgere il nastro e stravolgere di nuovo la mia vita.

Marzo sarà un mese di cambiamenti, di grandi esperienze e di poco tempo da dedicare ad alcune cose e tanto da dedicarne ad altre.Non riesco ad immaginare come saranno i giorni e le settimane per i prossimi sei mesi,a dirla tutta mi sento anche spaventata e ho la solita paura di non essere all’altezza delle aspettative di chi mi sta dando una grande possibilità.

Ma in questi mesi ho capito una cosa, che la paura è umana e per questo comune a tutti; esistono gli spregiudicati, i menefreghisti, gli impuniti ma no, non esiste nessuno che non abbia paura di qualcosa. La paura è l’emozione più adrenalinica di tutte. Ciò che conta veramente è stare attenti che questa non ci impedisca di dare il meglio di noi, mostrare chi siamo e cosa abbiamo da dire.

Per questo, anche se con il cuore in gola, il battito leggermente più accelerato e qualche farfalla nello stomaco dico…Benvenuto Marzo!

Emanuela

 

Regalo

Come promesso ecco il file di Marzo del calendario Boho.Come sempre puoi scaricarlo e stamparlo in lingua italiana o nella versione inglese

Present for you

 

As promised here is the file of March of  Boho calendar. You can download it and print it in Italian or in English Version

 

Graphic by

Freepick1

Freepick2